Caratteristiche del prodotto

Cerca






Perché Dlubal Software?

solutions

  • Più di 45.000 utenti in 95 Paesi
  • Un solo software per tutti settori
  • Supporto gratuito fornito da ingegneri esperti
  • Intuitivo e facile da imparare
  • Eccellente rapporto qualità/prezzo
  • Sistema modulare flessibile ed estensibile in fuzione delle proprie necessità
  • Licenze singole o di rete
  • Software verificato dall'utilizzo in molti progetti noti

Newsletter

Ricevi regolarmente informazioni riguardo notizie, consigli utili, eventi, offerte speciali e buoni.

  1. Definizione di 2 strati della mesh EF per un solido gassoso

    Considerazione della rigidezza di solidi gassosi nell'analisi time history non lineare

    La rigidezza del gas fornita dalla legge del gas ideale pV = nRT può essere considerata nell'analisi dinamica non lineare.

    Il calcolo del gas è disponibile per gli accelerogrammi e i diagrammi temporali sia per l'analisi esplicita che per l'analisi implicita non lineare di Newmark. Per determinare correttamente il comportamento del gas, è necessario definire almeno due strati della mesh agli elementi finti per i solidi gassosi.

  2. Determinazione dello smorzamento di Rayleigh in RF-/DYNAM Pro - Forced Vibrations

    Conversione dello smorzamento di Lehr nello smorzamento di Rayleigh

    Il calcolo in considerazione di uno smorzamento (anche lo smorzamento di Lehr) non è possibile nelle integrazioni del passo temporale diretto. Invece, i coefficienti di smorzamento di Rayleigh sono specificati dall'utente.

    Nella letteratura tecnica, lo smorzamento dato per forme costruttive specifiche è in molti casi solo un'approssimazione dei rapporti di smorzamento reali. In RF-/DYNAM Pro - Forced Vibrations, è possibile utilizzare il valore di smorzamento per determinare lo smorzamento di Rayleigh. Ciò può verificarsi ad una o due frequenze angolari naturali definite dall'utente.

  3. RF-/DYNAM Pro - Nonlinear Time History | Caratteristiche

    • Diagrammi temporali definiti dall'utente in funzione del tempo, in forma tabellare o come carichi armonici
    • Combinazione dei diagrammi temporali con i casi o le combinazioni di carico di RFEM/RSTAB (consente la definizione di carichi di nodi, aste e superfici, nonché carichi liberi e generati che variano nel tempo)
    • Combinazione di varie funzioni di eccitazione indipendenti
    • Analisi time history non lineare con analisi implicita di Newmark (solo RFEM) o con analisi esplicita
    • Smorzamento strutturale con i coefficienti di smorzamento di Raleigh o smorzamento di Lehr
    • Importazione diretta degli spostamenti generalizzati iniziali da un caso o da una combinazione di carico (solo RFEM)
    • Modifiche della rigidezza come condizioni iniziali, ad esempio effetto di forze assiali, aste disattivate (solo RSTAB)
    • Visualizzazione grafica dei risultati in un monitor con andamento temporale
    • Esportazione dei risultati come inviluppo o in passi temporali definiti dall'utente
  4. RF-/DYNAM Pro - Nonlinear Time History | Non linearità

    • Tipi di aste non lineari, quali aste tese e compresse o funi
    • Non linearità dell'asta, come rottura a trazione, strappo, snervamento per trazione o compressione
    • Non linearità dei vincoli esterni, come rottura, attrito, diagramma, e attività parziale
    • Non linearità dei vincoli interni, come attrito, attività parziale, diagramma e fisso se forze interne positive o negative
  5. General input data

    RF-/DYNAM Pro - Nonlinear Time History | Input

    RF-/DYNAM Pro - Nonlinear Time History è integrato nella struttura di RF‑/DYNAM Pro - Forced Vibrations ed ampliato da due metodi di analisi non lineari (un'analisi non lineare in RSTAB).

    I diagrammi forza-tempo possono essere inseriti come transitori, periodici o in funzione del tempo. I casi di carico dinamici combinano i diagrammi temporali con i casi di carico statici, fornendo grande flessibilità. Inoltre, è possibile definire i passi temporali per il calcolo, lo smorzamento strutturale e le opzioni di esportazione nei casi di carico dinamici.

  6. Selecting the nonlinear analysis in RF-DYNAM Pro - Nonlinear Time History

    RF-/DYNAM Pro - Nonlinear Time History | Calcolo

    Calcolo in RFEM
    L'analisi time history non lineare viene eseguita con l'analisi implicita di Newmark o con l'analisi esplicita. Entrambi sono metodi di integrazione al passo diretti. L'analisi implicita richiede solo pochi passi temporali per fornire risultati precisi. L'analisi esplicita determina automaticamente i passi temporali necessari per fornire la stabilità della soluzione. L'analisi esplicita è adatta all'analisi di eccitazioni brevi, come eccitazioni da impatto o da esplosione.

    Calcolo in RSTAB
    L'analisi time history non lineare viene eseguita con l'analisi esplicita. Questo è un metodo di integrazione al passo diretto e determina automaticamente i passi temporali necessari per fornire la stabilità della soluzione.

  7. Monitoraggio del corso del tempo (guasto temporaneo dell'asta in trazione a causa della tensione da vibrazione)

    RF-/DYNAM Pro - Nonlinear Time History | Risultati

    Grazie all'integrazione di RF-/DYNAM Pro in RFEM o RSTAB, è possibile incorporare i risultati numerici e grafici da RF‑/DYNAM Pro - Nonlinear Time History alla relazione di calcolo globale. Inoltre, tutte le opzioni di RFEM e RSTAB sono disponibili per una visualizzazione grafica. I risultati dell'analisi time history sono visualizzati in un monitor con andamento temporale.

    Tutti i risultati sono visualizzati in funzione del tempo. I valori numerici possono essere esportati in MS Excel. È possibile esportare le combinazioni di risultati esportando i risultati dei singoli passi temporali o filtrando i risultati maggiormente sfavorevoli tra tutti i passi temporali.

  8. Caratteristiche

    • Spettri di risposta secondo diverse normative
    • Sono implementate le seguenti norme:
      • European UnionEN 1998-1: 2010 + A1: 2013 (Unione europea)
      • GermanyDIN 4149: 1981-04 (Germania)
      • GermanyDIN 4149: 2005-04 (Germania)
      • United States of AmericaIBC 2000 (USA)
      • United States of AmericaIBC 2009-ASCE/SEI 7-05 (USA)
      • IBC 2012/15 - ASCE/SEI 7-10 (USA)
      • United States of AmericaIBC 2018 - ASCE/SEI 7-16 (USA)
      • AustriaÖNORM B 4015: 2007-02 (Austria)
      • ItalienNTC 2018 (Italia)
      • SpainNCSE-02 (Spagna)
      • SwitzerlandSIA 261/1: 2003 (Svizzera)
      • SIA 261/1: 2014 (Svizzera)
      • TurkeyOG 23089 + OG 23390 (Turchia)
      • SANS 10160-4 2010 (Sudafrica)
      • Saudi ArabiaSBC 301: 2007 (Arabia Saudita)
      • ChinaGB 50011 - 2001 (Cina)
      • ChinaGB 50011 - 2010 (Cina)
      • CanadaNBC 2015 (Canada)
      • AlgeriaDTR BC 2-48 (Algeria)
      • AlgeriaDTR RPA99 (Algeria)
      • MexicoCFE Sismo 08 (Messico)
      • ArgentinaCIRSOC 103 (Argentina)
      • ColombiaNSR - 10 (Colombia)
      • IndiaIS 1893: 2002 (India)
      • AustraliaAS1170.4 (Australia)
      • ChileNC 433 1996 (Cile)
    • Sono disponibili le seguenti appendici nazionali secondo EN 1998-1:
      • GermanyDIN EN 1998-1/NA: 2011-01 (Germania)
      • AustriaÖNORM EN 1991-1-1: 2011-09 (Austria)
      • BelgiumNBN - ENV 1998-1-1: 2002 NAD-E/N/F (Belgio)
      • Czech RepublicČSN EN 1998-1/NA: 2007 (Repubblica Ceca)
      • FranceNF EN 1998-1-1/NA: 2014-09 (Francia)
      • ItalienUNI-EN 1991-1-1/NA: 2007 (Italia)
      • PortugalNP EN 1998-1/NA: 2009 (Portogallo)
      • RomaniaSR EN 1998-1/NA: 2004 (Romania)
      • SlovakiaSTN EN 1998-1/NA: 2008 (Slovacchia)
      • SloveniaSIST EN 1998-1: 2005/A101: 2006 (Slovenia)
      • CyprusCYS EN 1998-1/NA: 2004 (Cipro)
      • NA to BS EN 1998-1: 2004: 2008 (Regno Unito)
      • NS-EN 1998-1: 2004 + A1: 2013/NA: 2014 (Norvegia)
    • Immissione di spettri di risposta definiti dall'utente
    • Uso di spettri di risposta direzionale
    • Le forme delle modalità rilevanti per lo spettro di risposta possono essere selezionate manualmente o automaticamente (si può applicare la regola del 5% da EC 8)
    • I carichi statici equivalenti generati vengono esportati in casi di carico, separatamente per ciascun contributo modale e separati per ciascuna direzione
    • Combinazioni di risultati per sovrapposizione modale (regola SRSS e CQC) e sovrapposizione di direzione (regola SRSS o 100%/30%)
    • È possibile visualizzare i risultati firmati in base alla modalità autonome dominante
  9. RF-/DYNAM Pro - Natural Vibrations | Caratteristiche

    • Considerazione automatica delle masse dal peso proprio
    • Importazione diretta delle masse dai casi e dalle combinazioni di carico
    • Opzionale definizione delle masse aggiuntive (masse nodali, delle aste e masse inerziali)
    • Combinazione delle masse in casi e combinazioni di massa
    • Coefficienti di combinazione predefiniti secondo l'Eurocodice 8
    • Opzionale importazione delle distribuzioni delle forze normali (ad esempio per considerare la precompressione)
    • Modifica della rigidezza (ad esempio, è possibile importare aste disattivate o le rigidezze da RF-/CONCRETE)
    • Considerazione dei vincoli esterni o aste giunti a rottura
    • Definizione dei casi di vibrazione naturale (ad esempio per analizzare masse differenti o modifiche della rigidezza)
    • Output di autovalori, frequenze angolari, frequenze e periodi naturali
    • Determinazione delle forme modali e delle masse nei nodi
    • Output delle masse modali, delle masse modali efficaci e dei coefficienti di massa modale
    • Visualizzazione e animazione delle forme modali
    • Diverse opzioni di scala per le forme modali
    • Documentazione dei risultati grafici e numerici nella relazione di calcolo
  10. Input of mass cases

    RF-/DYNAM Pro - Natural Vibrations | Input

    Tutte le impostazioni necessarie per la determinazione delle frequenze naturali, ad esempio forme modali e solutori agli autovalori, vengono inserite nelle tabelle di input.

    RF-/DYNAM Pro - Natural Vibrations determina gli autovalori più bassi della struttura. Il numero di autovalori può essere modificato. Le masse sono importate direttamente dai casi e dalle combinazioni di carico (con la possibilità di importare la massa totale o solo la componente di carico nella direzione di gravità).

    È possibile definire masse aggiuntive manualmente nei nodi e nelle aste. Inoltre, è possibile influenzare la matrice di rigidezza importando le forze assiali o le modifiche di rigidezza di un caso o una combinazione di carico.

1 - 10 di 20

Contattaci

Contattaci

Hai domande o bisogno di consigli?
Contattaci gratuitamente tramite e-mail, chat o il nostro forum di supporto o trova varie soluzioni e consigli utili nella nostra pagina delle FAQ.

+39 051 9525 443

info@dlubal.it

Primi passi

Primi passi

Offriamo suggerimenti e consigli utili per aiutarti a familiarizzare con i programmi principali RFEM e RSTAB.

Software potente ed efficace

“Credo che il software è così potente e capace che la gente apprezzerà sicuramente il suo potere dopo che ne avranno preso dimestichezza.”

Assistenza clienti 24/7

Oltre al nostro supporto tecnico (ad es. tramite chat), sul nostro sito internet troverai risorse che potrebbero esserti d'aiuto nella progettazione con Dlubal Software.