Domande frequenti (FAQ)

Cerca FAQ

Show Filter Hide Filter





Assistenza clienti 24/7

Oltre al nostro supporto tecnico (ad es. tramite chat), sul nostro sito internet troverai risorse che potrebbero esserti d'aiuto nella progettazione con Dlubal Software.

Newsletter

Ricevi regolarmente informazioni riguardo notizie, consigli utili, eventi, offerte speciali e buoni.

  • Risposta

    Il modulo aggiuntivo RF-CONCRETE Columns consente di definire un "carico permanente che produce scorrimento". È possibile trovare la scheda corrispondente nella finestra "1.1 Dati generali".

    Figura 01 - Finestra "1.1 Dati generali" con la scheda "Carico permanente che produce scorrimento"

    Il motivo della voce è che le colonne RF-CONCRETE possono applicare questo "carico permanente che produce scorrimento" per la determinazione automatica del rapporto di scorrimento effettivo secondo EN 1992-1, 5.8.4.

    Al contrario, non esiste un'opzione di input esplicita per questo carico permanente che produce scorrimento in aste RF-CONCRETE. Nelle aste RF-CONCRETE, l'analisi di stabilità delle colonne in cemento armato mediante un design non lineare non riduce automaticamente il rapporto di scorrimento effettivo. È possibile trovare lo sfondo dell'effettivo rapporto di scorrimento applicato nelle aste RF-CONCRETE nel capitolo 2.4.6 del manuale delle aste RF-CONCRETE .

    Lo stesso vale per le colonne CONCRETE o i moduli aggiuntivi CONCRETE per RSTAB.

  • Risposta

    Se il modulo aggiuntivo PLATE ‑ BUCKLING non viene aperto come versione stand-alone, ma tramite RFEM o RSTAB, è possibile importare i pannelli (parti c/t di una sezione trasversale dell'asta) e i rispettivi casi di carico di il modello RFEM o RSTAB su PLATE ‑ BUCKLING (vedere la figura).

    Se nel file modello di RFEM/RSTAB non sono presenti sezioni trasversali valide di PLATE ‑ BUCKLING, l'opzione per l'importazione dei pannelli di instabilità rimane inattiva.
  • Risposta

    Il modulo aggiuntivo PLATE ‑ BUCKLING consente di calcolare solo i pannelli rettangolari di instabilità.

    Il pannello viene inserito nella finestra 1.1 del modulo aggiuntivo. Un'altra opzione è quella di creare il pannello da un file RFEM o RSTAB esistente selezionando la rispettiva parte c/t.
  • Risposta

    Poiché il calcestruzzo ha un comportamento del materiale non lineare che può essere simulato solo con il modulo CONCRETE NL, non è possibile analizzarlo utilizzando il modulo aggiuntivo RF-STABILITY.

    L'uso di un altro modello di materiale come l'elastico isotropo lineare o la plastica isotropa non rappresenterebbe correttamente la formazione di fessurazioni, pertanto i risultati non sono utilizzabili.

    L'analisi di stabilità su colonne può essere eseguita con colonne RF-CONCRETE o RF-CONCRETE NL. È possibile trovare un piccolo esempio in Download .

    Questo esempio include la progettazione di una colonna tramite il modulo aggiuntivo RF-CONCRETE Columns. Assicurarsi che il calcolo delle forze interne in RFEM sia eseguito secondo l'analisi geometricamente lineare e che non siano necessarie imperfezioni poiché il metodo utilizzato nel modulo aggiuntivo le tiene conto.

    L'esempio include anche la progettazione con RF-CONCRETE NL. Qui, è anche necessario calcolare secondo l'analisi del secondo ordine e richiede le imperfezioni sotto forma di inclinazioni. Per una migliore comparabilità, il layout dell'armatura longitudinale è stato allineato con il risultato delle colonne RF-CONCRETE, come mostrato nella Figura 01 e nella Figura 02. Poiché l'armatura è ottimizzata dal modulo dopo un nuovo calcolo, l'armatura desiderata è stata salvata come modello (vedere la freccia rossa).

  • Risposta

    Le forze interne e le deformazioni sono determinate secondo l'analisi del secondo ordine per l'instabilità torsionale, tenendo conto di 7 gradi di libertà. Per un calcolo lineare delle deformazioni, un carico verticale/orizzontale determina solo una deformazione verticale/orizzontale. Poiché le forze interne si riferiscono alla struttura deformata e non esiste un'analisi non lineare, ciò non è valido per l'analisi di instabilità torsionale del secondo ordine.

    In RFEM e RSTAB, è possibile verificare le deformazioni nel centro di taglio utilizzando il modulo aggiuntivo RF-/FE ‑ LTB (vedere la Figura 02). Le deformazioni che derivano ulteriormente dagli spostamenti o dalle rotazioni possono essere verificate solo con un modello di superficie in RFEM.
  • Risposta

    Sì, è possibile.


    Innanzitutto, RF-STABILITY (o RSBUCK in RSTAB 8) può essere utilizzato per determinare le lunghezze effettive per un sistema strutturale e un certo carico.



    Possono quindi essere importati nella finestra di dialogo "Lunghezza effettiva" in RF-/TIMBER Pro.

  • Risposta

    Quando si progettano le sezioni trasversali generali nel modulo RF-STEEL AISC, si ottiene un messaggio "Non progettabile" per il rapporto di progetto. Le sezioni trasversali generali sono definite nel programma come sezioni o forme definite dall'utente che non sono incluse nelle specifiche. Tuttavia, alcune sezioni trasversali definite dall'utente possono essere progettate in specifiche condizioni. Il messaggio di avviso viene visualizzato perché l'instabilità di taglio non è disponibile per la sezione trasversale generale in AISC 360-16 [1], Capitolo G. Ulteriori informazioni su questo argomento sono disponibili nel manuale RF-STEEL AISC sotto riportato.


    Questo avviso può essere disattivato nel modulo aggiuntivo RF-STEEL AISC sotto il pulsante "Dettagli"> Iniezione tangenziale> "Avviso di instabilità di taglio per la sezione trasversale generale."



  • Risposta

    A causa del calcolo non lineare, in particolare la definizione di slippage è una sfida per il risolutore di equazioni. I seguenti suggerimenti possono aiutare a evitare possibili instabilità.

    Step di carico
    Quando si considerano le non linearità, è spesso difficile trovare l'equilibrio. È possibile evitare instabilità applicando il caricamento in più passaggi (vedere la Figura 01). Per esempio, quando si specificano due incrementi di carico, metà del carico sarà applicato nel primo passo. Le iterazione saranno effettuate fino a quando non si raggiungerà l'equilibrio. Dopo, in un secondo passo, si applicherà il carico completo al sistema già deformato e le iterazioni saranno di nuovo eseguite fino a quando non si raggungerà l'equilibrio. Non si deve dimenticare che gli incrementi di carico hanno un effetto sfavorevole sul tempo di elaborazione. Pertanto, 1 (ovvero nessun carico che aumenta in modo incrementale) è preimpostato nella casella di testo. Inoltre, è possibile specificare quante fasi di carico devono essere applicate per ciascun caso di carico e combinazione di carico (vedere la Figura 02). Le impostazioni globali saranno quindi ignorate.

    Definizione scorrevole
    Scorrimento (es Può essere utilizzato per definire lo spostamento del rilascio da cui si dovrebbero trasferire le forze. Come si può vedere nel diagramma, l'arresto, ovvero la rigidezza che agisce in base allo spostamento di rilascio corrispondente, è considerato rigido (ramo verticale, vedere le frecce rosse). Tuttavia, in determinate circostanze, ciò potrebbe causare problemi numerici nel calcolo. Per evitare ciò, la rigidezza che agisce in base allo spostamento di rilascio dovrebbe essere leggermente ridotta. È possibile ottenere questo risultato definendo una molla molto rigida (vedere la Figura 04).

    In aggiunta alla fermata molto rigida, si possono verificare problemi numerici all'interno dello slittamento. In questo caso, si deve prendere in considerazione una piccola rigidezza per l'effetto dello slittamento al fine di aumentare un po 'il ramo orizzontale. La rigidezza deve essere selezionata in modo da non avere alcun effetto decisivo (vedere la Figura 05). Questa situazione è possibile utilizzando la non linearità "Diagramma".

    Disposizione dei vincoli interni dell'asta
    Quando si organizzano i cardini, assicurarsi che non siano definiti nella stessa direzione su entrambe le estremità dell'asta. Pertanto, esiste uno stato in cui l'elemento non è sufficientemente supportato e il sistema non funziona già nelle prime iterazioni. In tal caso, lo slittamento su un solo lato dell'asta deve essere definito e la dimensione dello slittamento deve essere regolata di conseguenza (vedere la Figura 06).

  • Risposta

    Sia RFEM che RSTAB sono ideali per l'analisi strutturale e la progettazione di strutture in legno .

    Principali programmi RFEM o RSTAB
    I programmi principali RFEMRSTAB sono usati per definire strutture, materiali e azioni. Oltre all'opzione per la creazione di strutture a traliccio e strutture spaziali, come i padiglioni, RFEM consente anche strutture di piastre, pareti e gusci, e quindi offre un'opzione più versatile. Paga se è necessario eseguire la progettazione anche in altre aree, come la costruzione solida.

    Il modulo aggiuntivo RF-LAMINATE è disponibile solo per RFEM.


    Per entrambi i programmi sono disponibili l' Eurocodice 5 con numerosi allegati nazionali e altre norme internazionali .


    Standard disponibili
    • RF-/TIMBER Pro - Eurocodice 5 per l'analisi delle sollecitazioni, l'analisi della stabilità, la progettazione dello stato limite di esercizio e la progettazione della resistenza al fuoco secondo EC 5 o la norma svizzera SIA 265

    • RF-/TIMBER AWC - American Standard ANSI/AWC NDS-2018 per la progettazione definitiva dello stato limite, la progettazione dello stato limite di esercizio e la progettazione della resistenza al fuoco

    • RF-/TIMBER CSA - Norma canadese CSA O86‑09 e CSA O86‑14 per la progettazione dello stato limite ultimo, la progettazione dello stato limite di esercizio e la resistenza al fuoco

    • RF-/TIMBER NBR - Standard di legno brasiliano per i progetti di stato limite ultimo e di esercizio

    Altri moduli aggiuntivi
    • RF-/JOINTS Timber - Steel to Timber
      Progettazione di collegamenti in legno indiretti secondo l'Eurocodice 5 o ANSI/AWC NDS 2018.
    • RF-/JOINTS Timber - Timber to Timber
      Progettazione di collegamenti diretti in legno con viti inclinate
    • LIMITI RF
      Tra le altre cose, analizza la capacità portante di aste, estremità di aste, nodi, supporti nodali e superfici. Inoltre, la biblioteca comprende vari elementi di fissaggio di Würth SHIGA, Sherpa, Simpson StrongTie e così via, nonché la capacità portante massima per le travi in legno di Steico e Metsä Wood.
    Solo in connessione con RFEM:

    RF-LAMINATE - Analisi di sollecitazione e deformazione di superfici laminate

    RX-TIMBER consente la progettazione di strutture in legno senza l' utilizzo di RFEM o RSTAB.

    In caso di domande sui programmi e servizi Dlubal Software, non esitare a contattare il nostro ufficio commerciale.
  • Risposta

    Sia RFEM che RSTAB forniscono una soluzione adatta. Per entrambi i programmi, ci sono numerosi standard europei e internazionali, nonché vari moduli aggiuntivi che facilitano il lavoro quotidiano nella costruzione in acciaio .

    Principali programmi RFEM o RSTAB
    I programmi principali RFEM o RSTAB sono usati per definire strutture, materiali e azioni. Oltre all'opzione per la creazione di strutture a traliccio e strutture spaziali, come i padiglioni, RFEM consente anche strutture di piastre, pareti e gusci, e quindi offre un'opzione più versatile. Paga se è necessario eseguire la progettazione anche in altre aree, come la costruzione solida.

    Standard disponibili
    • EN 1993-1-1 (Eurocodice 3),
    • AISC secondo ANSI/AISC 360 (standard USA),
    • SIA secondo SIA 263: 2013 (norma svizzera),
    • IS secondo IS 800: 2007 (standard indiano),
    • BS secondo BS 5950-1: 2000 (norma britannica) o BS EN 1993-1-1 (appendice britannica),
    • GB secondo GB 50017-2003 (standard cinese),
    • CSA secondo CSA S16-09 e CSA S16-14 (norma canadese),
    • AS secondo AS 4100-1998 + Allegato 1 - 1999 (norma australiana),
    • NTC-DF secondo NTC-RCDF (2004) (standard messicano),
    • SP secondo SP 16.13330.2011 (norma russa),
    • SANS secondo SANS 10162-1: 2011 (standard sudafricano),
    • NBR secondo ABNT NBR 8800: 2008 (norma brasiliana),
    • HK secondo lo Standard Code of Practice for the Structural Use of Steel 2011 (Dipartimento costruzioni - Hong Kong)
    • RF-/STEEL - Analisi generale delle sollecitazioni su superfici e aste in acciaio
    Moduli aggiuntivi per strutture in acciaio

    I moduli aggiuntivi completano la funzionalità dei programmi principali. Ad esempio, RF-/STEEL EC3, consente di eseguire la progettazione di strutture in acciaio secondo l'Eurocodice 3. Il modulo aggiuntivo RF ‑ STEEL Warping Torsion integra il progetto secondo l'Eurocodice 3 con l'analisi di instabilità torsionale fino a 7 gradi di libertà, a condizione che non si riferisca a un caso standard di EC3.

    Sono disponibili ulteriori aree di applicazione specializzate, come la progettazione della plastica, un'analisi di stabilità secondo il metodo degli autovalori o la generazione di imperfezioni geometriche equivalenti e modelli equivalenti preformati. I moduli stand-alone, come PLATE-BUCKLING , supportano la progettazione di piastre rigide o rigide. Il programma SHAPE-THIN consente di creare sezioni trasversali a pareti sottili. Pertanto, le proprietà della sezione trasversale sono determinate e possono essere eseguite analisi di sollecitazione o progetti di plastica.

    È possibile progettare collegamenti a cerniera o rigidi utilizzando i moduli aggiuntivi RF-/JOINTS .

    Il programma stand-alone CRANWAY è disponibile per la progettazione di carreggiate.


    Dinamica

    Se è necessario eseguire analisi sismiche o progetti di vibrazione di un edificio, i moduli aggiuntivi RF-/DYNAM Pro forniscono strumenti speciali per determinare le frequenze naturali e le forme modali, per un'analisi delle vibrazioni forzate, una generazione di carichi equivalenti, o per un'analisi cronologica non lineare.

    In caso di domande sui programmi Dlubal Software, non esitare a contattare il nostro ufficio commerciale.


1 - 10 di 50

Contattaci

Contattaci

Hai trovato la tua domanda?
In caso contrario, contattaci gratuitamente tramite e-mail, chat o il forum di supporto, o inviaci la tua domanda tramite il modulo online.

+39 051 9525 443

info@dlubal.it

Primi passi

Primi passi

Offriamo suggerimenti e consigli utili per aiutarti a familiarizzare con i programmi principali RFEM e RSTAB.

Simulazione del vento e Generazione carico da vento

Con il programma stand-alone RWIND Simulation, i flussi di vento attorno a strutture semplici o complesse, possono essere simulate mediante una galleria del vento digitale.

I carichi del vento generato che agiscono su questi oggetti possono essere importati in RFEM o RSTAB.

Veramente la miglior assistenza tecnica

““Grazie per le preziose informazioni.

Vorrei fare un complimento al vostro team di assistenza tecnica. Sono sempre sorpreso da come trovate le risposte alle mie domande velocemente e professionalmente. Ho usato molti software con un contratto di supporto nel campo dell'analisi strutturale, ma il vostro supporto è di gran lunga il migliore. "