Domande frequenti (FAQ)

Cerca FAQ




Knowledge Base

Nella pagina 'Knowledge Base', puoi trovare molti articoli tecnici, suggerimenti e trucchi che possono aiutarti a risolvere le problematiche di progettazione strutturale che potresti incontrare usando i programmi Dlubal Software

Newsletter

Ricevi regolarmente informazioni riguardo notizie, consigli utili, eventi, offerte speciali e buoni.

  • Risposta

    In RFEM 5 o RF-DYNAM Pro - Cronologia temporale non lineare, ci sono due metodi differenti disponibili per analisi dinamiche non lineari (chiamate anche "risolutori" nel seguito): il metodo della differenza centrale esplicita e il metodo NEWMARK implicito dell'accelerazione media (γ = ½ e β = ¼).

    Nel caso dei sistemi lineari, il risolutore implicito sarebbe preferibile nella maggior parte dei casi, poiché è necessariamente stabile numericamente, indipendentemente da quale sia la lunghezza del passo temporale scelta. Naturalmente, questa affermazione deve essere messa in prospettiva sullo sfondo che ci si possono aspettare notevoli inesattezze della soluzione se i passi temporali sono troppo grossolani. Il risolutore esplicito è solo condizionalmente stabile nel lineare, diventa stabile se il passo temporale scelto è inferiore a una determinata fase temporale critica:

    $ \ triangle t \ leq \ triangle t_ {cr} = \ frac {T_n} \ pi $

    In questa equazione, T n rappresenta il più piccolo periodo di oscillazione naturale della rete FE, che porta alla seguente affermazione: Più fine è la mesh FE, minore sarà il passo temporale scelto per garantire la stabilità numerica.

    Il tempo di calcolo di una singola fase del risolutore esplicito è molto breve, ma innumerevoli passaggi temporali molto fini potrebbero essere semplicemente necessari per ottenere un risultato. Di solito è preferibile il solutore implicito di NEWMARK per carichi dinamici che funzionano su un periodo di tempo più lungo. Il risolutore esplicito è preferibile se si devono comunque scegliere passaggi temporali molto fini per ottenere un risultato utilizzabile (convergente). Questo è il caso, ad esempio, nel caso di carichi a breve durata d'azione e in rapido cambiamento, come carichi di impatto o esplosione.

    In non lineare, entrambi i metodi sono "solo" numericamente stabili, ed è ancora vero che il solutore implicito di NEWMARK è nella maggior parte dei casi più stabile del metodo della differenza centrale. Pertanto, nel non lineare, sostanzialmente uguale a quello dei sistemi lineari. Nel caso di carichi transitori ea breve termine, il risolutore esplicito deve essere preferito nella maggior parte dei casi, ma in altri casi il solutore NEWMARK dell'accelerazione media.

Contattaci

Contattaci

Hai trovato la tua domanda?
In caso contrario, contattaci tramite il nostro supporto gratuito via email, chat o forum oppure inviaci la tua domanda tramite il modulo online.

+39 051 9525 443

info@dlubal.it

Primi passi

Primi passi

Offriamo suggerimenti e consigli utili per aiutarti a familiarizzare con i programmi principali RFEM e RSTAB.

Veramente la miglior assistenza tecnica

“Un sentito grazie per le utili informazioni.

Vorrei fare un complimento al vostro team di assistenza tecnica. Sono sempre sorpreso da come trovate le risposte alle mie domande velocemente e professionalmente. Nel settore dell'analisi strutturale, uso diversi software compresi di contratti di servizio, ma la vostra assistenza è di gran lunga la migliore.”