Imperfezioni secondo EN 1993-1-1, Sezione 5.3.2: Imperfezione globale dell'inondazione iniziale

Articolo tecnico sul tema Analisi strutturale con Dlubal Software

  • Knowledge Base

Articolo tecnico

Questo articolo è stato tradotto da Google Traduttore

Visualizza il testo originale

Secondo EN 1993-1-1 [1] , è necessario utilizzare le imperfezioni geometriche equivalenti con valori che riflettono i possibili effetti di tutti i tipi di imperfezioni. La EN 1993-1-1, sezione 5.3, specifica le imperfezioni di base per l'analisi globale dei frame e delle imperfezioni dell'asta.

Nel caso di strutture con una forma modale, che è caratterizzata da uno spostamento laterale, l'effetto delle imperfezioni può essere considerato per il calcolo strutturale da un'imperfezione di oscillazione iniziale globale (e, se necessario, dall'imperfezione dell'arco individuale).

L'imperfezione di oscillazione iniziale globale Φ è determinata secondo l'equazione (5.5):
Φ = Φ0 · αh · αm

Il valore base risultante Φ0 è uguale a 1/200, come specificato nella norma DIN 18800, e può essere ridotto di due fattori. Questi fattori tengono conto degli effetti favorevoli di colonne molto alte e di diverse colonne di supporto in una riga. Lo sfondo è che le imperfezioni sono strutturalmente distribuite e quindi è molto improbabile che siano sfavorevoli su tutti i componenti.

αh = fattore di riduzione per l'altezza h applicabile alle colonne
$$\frac23\;<\;{\mathrm\alpha}_\mathrm h\;=\;\frac2{\sqrt{\mathrm h}}\;<\;1,0$$

Figura 01 - Reduction Factor α,h

αm = fattore di riduzione per il numero di colonne in una riga
m = numero di colonne in una riga con un carico verticale> 50% del valore medio della colonna

$${\mathrm\alpha}_\mathrm m\;=\;\sqrt{0,5\;\cdot\;(1\;+\;\frac1{\mathrm m})}$$

Figura 02 - Reduction Factor α,m

Rispetto a DIN 18800, vi sono maggiori imperfezioni di oscillazione nel caso di un numero maggiore di colonne me colonne più alte risultanti dal calcolo secondo EN 1993-1-1.

Riferimento

[1]  Eurocodice 3: Progettazione di strutture in acciaio - Parte 1-1: Regole generali e regole per gli edifici; EN 1993-1-1: 2010-12
[2] Manuale di addestramento EC3. Lipsia: Dlubal Software, marzo 2017

Autore

Dipl.-Ing. (FH) Frank Sonntag, M.Sc.

Dipl.-Ing. (FH) Frank Sonntag, M.Sc.

Vendite e assistenza clienti

Sonntag coordina l'ufficio Dlubal Software a Lipsia ed è responsabile delle vendite e dell'assistenza clienti.

Link

Scrivi un commento...

Scrivi un commento...

  • Visualizzazioni 1134x
  • Aggiornato 19. aprile 2021

Contattaci

Contatta Dlubal

Hai domande o bisogno di consigli?
Contattaci gratuitamente tramite e-mail, chat o il nostro forum di supporto o trova varie soluzioni e consigli utili nella nostra pagina delle FAQ.

+39 051 9525 443

info@dlubal.it

RFEM
RFEM 5.xx

Programma principale

Software di progettazione strutturale per l'analisi con elementi finiti (FEA) di sistemi strutturali piani e spaziali costituiti da piastre, pareti, gusci, aste (travi), elementi solidi e di contatto

Prezzo della prima licenza
3.540,00 USD
RSTAB
RSTAB 8.xx

Programma principale

Software di progettazione strutturale per il calcolo lineare e non lineare di forze interne, spostamenti generalizzati e reazioni vincolari di telai e strutture costituite da aste e travature reticolari

Prezzo della prima licenza
2.550,00 USD