A seconda dell'altezza della struttura per pareti verticali

Articolo tecnico

Questo articolo è stato tradotto da Google Traduttore Visualizza il testo originale  

I carichi del vento sono regolati secondo l'Eurocodice 1 - Azioni sulle strutture - parte 1-4: Azioni generali - Carichi del vento. I parametri determinati a livello nazionale di un rispettivo paese possono essere trovati nelle Appendici nazionali.

L'area di applicazione di DIN EN 1991-1-4: 2010-12 è specificata per edifici e strutture ingegneristiche con altezza fino a 200 m. Questo limite può essere esteso con DIN EN 1991-1-4 / NA: 2010-12, NCI a 1.1 (2) a causa del profilo del vento che è valido in Germania per le strutture fino ad un'altezza di 300 m.

La divisione delle zone del vento di un paese viene generalmente effettuata utilizzando una mappa della zona del vento. A causa della risoluzione relativamente grossolana delle mappe della zona del vento, tuttavia, l'allocazione corretta nelle aree di transizione delle singole zone è relativamente difficile. Così ci sono determinazioni dettagliate delle zone del vento secondo i confini amministrativi che possono essere presi comodamente in considerazione, per esempio usando il servizio online Dlubal Snow, Wind e Sismic Maps .

Per determinare la pressione atmosferica q b per la rispettiva posizione dell'edificio, si applicano le seguenti varianti alternative secondo DIN EN 1991-1-4 / NA: 2010-12, Appendice NA.B.

Pressioni di velocità di picco semplificate per strutture fino a 25 m di altezza

In questo approccio, la pressione di picco del vento può essere applicata come un valore costante attraverso l'altezza dell'edificio per ragioni di semplicità. Le relative pressioni di velocità sono regolate nella tabella NA.B.3 per le zone del vento da 1 a 4 secondo l'allegato NA.A. Per strutture con un'altezza superiore a 25 me strutture sulle isole del Mare del Nord con un'altezza superiore a 10 m, la pressione del picco di velocità deve essere determinata con maggiore precisione secondo le equazioni (NA.B.1) fino a (NA. B.8) o secondo NA.B.2.

Pressione massima del picco dipendente in altezza nel caso normale

Per la costruzione di altezze superiori a 25 m dal suolo, l'influenza della rugosità del terreno, che è determinata, ad esempio, dalla vegetazione e dallo sviluppo dell'edificio, deve essere presa in considerazione durante il calcolo della pressione di picco con le equazioni (NA.B.1) a (NA.B.8) o secondo NA.B.2.

Il caso normale secondo DIN EN 1991-1-4 NAB.3.3 è suddiviso in tre diversi profili:

  • Terra verso l'interno
  • zone costiere (fascia di 5 km di larghezza verso terra e isole del Mar Baltico)
  • Isole del Mar del Nord

Metodo preciso per il calcolo della velocità di picco con influenza della rugosità del terreno

Se l'ubicazione dell'edificio è influenzata topograficamente in larga misura o se si trova in prossimità di grandi acque interne, la pressione del picco di velocità deve essere determinata secondo NA.B.2.

Le pressioni di velocità di picco in terreni pianeggianti sono suddivise per categorie di terreno da 1 a 4. Se la classificazione in una categoria di terreno non può essere determinata con assoluta certezza, è necessario selezionare la rispettiva categoria di terreno più liscia e quindi più sfavorevole.

Carico del vento sulle pareti verticali A seconda dell'altezza della costruzione

Come spiegato sopra, la pressione di velocità semplificata (approccio 1) per le strutture con un'altezza fino a 25 m può essere applicata come un valore costante su tutta l'altezza dell'edificio.

Se si utilizza uno degli altri due approcci, la pressione dinamica può essere applicata in modo graduale attraverso l'altezza dell'edificio nell'intervallo di vento D. Per edifici con dimensioni di <> h ≤ 2 ⋅ b, si assume una striscia inferiore con l'altezza b ed una striscia superiore con l'altezza (h - b).

Per edifici con dimensioni di h> 2 ⋅ b, si assume una striscia inferiore con l'altezza b ed una striscia superiore con l'altezza (h - b). L'area intermedia deve essere divisa in un numero appropriato di strisce intermedie con la striscia di altezza h.

Figura 01 - Carico del vento graduato su diverse altezze edilizie

In RFEM e RSTAB, la valutazione della pressione di velocità sul campo del vento D per le pareti verticali durante la generazione di carichi è completamente presa in considerazione.

Parole chiave

Dipendente dall&#39;altezza Carico del vento Categoria del terreno

Bibliografia

[1]   Eurocode 1: Actions on structures - Part 1-4: General actions - Wind actions; German version EN 1991-1-4:2005 + A1:2010 + AC:2010
[2]   National Annex - Nationally determined parameters - Eurocode 1: Actions on structures - Part 1-4: General actions - Wind actions; EN 1991-1-4/NA:2010-12
[3]   Albert, A.: Schneider - Bautabellen für Ingenieure mit Berechnungshinweisen und Beispielen, 23. Auflage. Köln: Bundesanzeiger, 2018
[4]   Holschemacher, K.; Klug, Y.: Lastannahmen im Bauwesen, 2. Auflage. Berlin: Beuth, 2016

Link

Contattaci

Contattaci

Hai domande o hai bisogno di un consiglio?
Contattaci tramite il nostro supporto gratuito via email, chat o forum oppure trova soluzioni e consigli utili nella nostra pagina FAQ.


    +39 051 9525 443

    info@dlubal.it

    RFEM Programma principale
    RFEM 5.xx

    Programma principale

    Software di progettazione strutturale per l'analisi con elementi finiti (FEA) di sistemi strutturali piani e spaziali costituiti da piastre, pareti, gusci, aste (travi), elementi solidi e di contatto

    Prezzo della prima licenza
    3.540,00 USD
    RSTAB Programma principale
    RSTAB 8.xx

    Programma principale

    Software di progettazione strutturale per il calcolo lineare e non lineare di forze interne, spostamenti generalizzati e reazioni vincolari di telai e strutture costituite da aste e travature reticolari

    Prezzo della prima licenza
    2.550,00 USD