Knowledge Base

Cerca





Perché Dlubal Software?

solutions

  • Più di 45.000 utenti in 95 Paesi
  • Un solo software per tutti settori
  • Supporto gratuito fornito da ingegneri esperti
  • Intuitivo e facile da imparare
  • Eccellente rapporto qualità/prezzo
  • Sistema modulare flessibile ed estensibile in fuzione delle proprie necessità
  • Licenze singole o di rete
  • Software verificato dall'utilizzo in molti progetti noti

Newsletter

Ricevi regolarmente informazioni riguardo notizie, consigli utili, eventi, offerte speciali e buoni.

  1. Effetti locali dovuti all'introduzione del carico

    Analisi di instabilità di pannelli Xlam e componenti strutturali bidimensionali | Parte 3

    Questo articolo illustra l'alternativa al metodo della snellezza equivalente. Offre l'opzione di determinare le azioni interne della parete suscettibile di instabilità con un'analisi del II ordine con considerazione delle imperfezioni e successivamente di eseguire la verifica della sezione trasversale a flessione e compressione.

  2. Struttura degli strati con proprietà di resistenza e rigidezza per Stora Enso CLT 100 C5s

    Analisi di stabilità di pannelli Xlam e componenti strutturali bidimensionali | Parte 2

    L'articolo seguente descrive la verifica con l'uso del metodo della lunghezza di libera inflessione equivalente secondo [1] paragrafo 6.3.2, eseguita su una parete in legno a strati incrociati Xlam suscettibile di instabilità descritta nella Parte 1 di questa serie di articoli. L'analisi di stabilità sarà eseguita come un'analisi tensionale di compressione con una resistenza a compressione ridotta. Per questo, sarà determinato il coefficiente kc che dipende principalmente dalla snellezza del componente e dal tipo di struttura.

  3. Parete in Xlam con aperture soggetta a carichi verticali

    Analisi di instabilità di pannelli Xlam e componenti strutturali bidimensionali | Parte 1

    Nel modulo aggiuntivo RF-LAMINATE è possibile verificare componenti strutturali costituiti da pannelli in legno a strati incrociati Xlam. Ma, poiché la verifica viene eseguita con un'analisi elastica, è necessario considerare anche le problematiche dovute alla stabilità (stabilità flessionale e flesso-torsionale).
  4. Determinazione ed uso delle lunghezze di libera inflessione

    Determinazione ed uso delle lunghezze di libera inflessione

    I moduli aggiuntivi RF-STABILITY e RSBUCK di RFEM e RSTAB eseguono l'analisi agli autovalori di strutture intelaiate per la determinazione dei coefficienti di carico critico e delle deformate critiche che forniscono informazioni sui rischi di instabilità della struttura.

  5. Figura 01 - Finding System Instabilities with RF-STABILITY

    Trovare le instabilità del sistema

    Una rottura di calcolo dovuta a un sistema instabile può avere diverse ragioni. Da un lato, ciò può indicare una "reale" instabilità a causa di un sovraccarico del sistema. D'altra parte, il messaggio di errore può derivare da inesattezze nel modello.

  6. Figura 01 - Activating Internal Member Division for Stability Analysis in RF-STABILITY/RSBUCK

    Attivazione della divisione membri interni per analisi di stabilità

    Quando si analizzano elementi strutturali suscettibili di cedimento utilizzando i moduli RF-STABILITY (per RFEM) o RSBUCK (per RSTAB), potrebbe essere necessario attivare la divisione interna dei membri. Se ci sono, per esempio, membri del traliccio, questi non sono divisi internamente. In questo modo, una modalità di instabilità globale viene determinata come primo autovettore nell'analisi di stabilità (vedere Figura 1). Quando si attivano le divisioni membro, vediamo che sta governando un inarcamento locale della struttura (vedi Figura 2). La figura mostra l'opzione per attivare la divisione in RF-STABILITY.

  7. Figura 01 - Finding Eigenvectors Beyond Critical Load Factor in RF-STABILITY

    Trovare gli autovettori oltre il fattore di carico critico

    La funzione, che è anche conosciuta come spostamento, consente di calcolare i fattori di carico critici oltre un valore iniziale definito dall'utente. Una determinazione dei fattori di carico critici viene solitamente eseguita dal fattore di carico critico più piccolo a quello massimo.

  8. Figura 01 - Eigenvalue Methods in RF-STABILITY

    Metodi autovalore

    In RF-STABILITY , è possibile eseguire analisi di stabilità in base a quattro diversi metodi autovalore.

  9. Figura 01 - Specifics of Using Tension Members 2

    Specifiche sull'utilizzo dei membri di tensione 2

    Il post precedente su questo argomento descrive le instabilità che possono verificarsi quando si utilizzano i membri di tensione. L'esempio mostrato si riferisce principalmente all'irrigidimento del muro. Ora, i messaggi di errore di instabilità possono anche fare riferimento a nodi all'interno dell'intervallo di supporti. Soprattutto le travi reticolari e i tralicci di sostegno sono suscettibili a questo. Quindi cosa provoca l'instabilità qui?

  10. Figura 01 - Critical Load Factor of Tapered Steel Frame 3: FE Model and RF-STABILITY

    Fattore di carico critico del telaio in acciaio conico 3: Modello FE e STABILITÀ RF

    Il seguente post verifica le forme di modalità determinate oi fattori di carico critici delle strutture di travi precedenti utilizzando un modello FE in RFEM (elementi di superficie) e RF-STABILITY .

1 - 10 di 13

Contattaci

Contattaci

Hai domande o bisogno di consigli?
Contattaci gratuitamente tramite e-mail, chat o il nostro forum di supporto o trova varie soluzioni e consigli utili nella nostra pagina delle FAQ.

+39 051 9525 443

info@dlubal.it

Assistenza clienti 24/7

Oltre al nostro supporto tecnico (ad es. tramite chat), sul nostro sito internet troverai risorse che potrebbero esserti d'aiuto nella progettazione con Dlubal Software.

Primi passi

Primi passi

Offriamo suggerimenti e consigli utili per aiutarti a familiarizzare con i programmi principali RFEM e RSTAB.

Software potente ed efficace

“Credo che il software è così potente e capace che la gente apprezzerà sicuramente il suo potere dopo che ne avranno preso dimestichezza.”