Tesi di laurea

Inviaci la tua tesi

Inviaci la tua tesi

Hai terminato i tuoi studi, master o tesi di laurea, o qualsiasi altro progetto scientifico, usando i programmi Dlubal Software, e vorresti pubblicarlo sul nostro sito?

Puoi farlo inviandocelo qui:

Assicurati di non violare alcun diritto di pubblicazione e di avere l'approvazione della tua scuola o del tuo advisor.

Un piccolo regalo di ringraziamento

Thank You

Se pubblicherari la tua tesi di laurea sul nostro sito, ti ringrazieremo con una licenza, versione completa di RFEM o RSTAB gratuita, compresa di moduli aggiuntivi per mezz'anno dopo aver terminato gli studi o la tua tesi universitaria.

Utilizzo di elementi prefabbricati in calcestruzzo armato in edifici alti

19. febbraio 2015

Tesi master

di Eemeli Tikkanen, Finlandia

Università di Oulu, Department of Mechanical Engineering
Advisors: Raimo Hannila Lic.Sc. (Tech.), Atte Leppänen M.Sc. (Tech.), Tuomas Jaakkola M.Sc. (Tech.), Juha Rämö M.Sc. (Tech.)
Programmi usati: RFEM 5, RF-STAGES, RF-DYNAM, RF-STABILITY

In questa tesi è stato studiato l'impiego di elementi in c.a. prefabbricati nella costruzione di edifici residenziali alti realizzati con lastre alveolari. In questa tesi è stata fatta un'analisi di stabilità ipotizzando tutti carichi delle strutture portanti e dei controventi prefabbricati in c.a.

Nell'edificio le pareti di taglio sono utilizzate come struttura di rinforzo la dove i solai composto sono stati realizzati con lastre alveolari. La tesi si concentra sulle forze agenti nei collegamenti verticali ed orizzontali degli elementi prefabbricati.

Vengono analizzati i dettagli dei collegamenti più usati in Finlandia. L'efficienza dei collegamenti sono calcolati secondo le norme di progettazione finlandese. Inoltre vengono analizzati gli spostamenti orizzontali ed i comportamenti dinamici degli edifici alti sotto l'azione del vento.

Pannelli in legno scatolati prefabbricati per solai e coperture

19. dicembre 2014

Tesi master

Autore: Francisco Coronel

UPC. Universitat Politècnica de Catalunya. BarcelonaTech, 80 pagine,
programmi e moduli utilizzati: RFEM, RF-TIMBER Pro, RF-LIMITS

Questa tesi analizza le attitudini e le qualità dei pannelli di legno scatolati prefabbricati che vengono utilizzati come solai, confrontandoli con quelli che si trovano in commercio. Inoltre, propongo e provo, in laboratorio e con software, un sistema alternativo di fissaggio di elementi fatto con spinotti in legno e ma senza adesivo, collocando degli anelli di bambù nei punti di maggior tensione facendone cosi aumentare la resistenza del 240%. Questo fatto, insieme alla predisposizione ad essere impiegati in ampie campate, alla possibilità di inserire all'interno isolanti acustici e termici, nonché tubi e cavi, al facile smontaggio ed all'essere eco-sostenibili, fanno dei pannelli in legno un’alternativa che può competere con sistemi costruttivi abituali.

Vorrei ringraziare per il vostro aiuto. Per le vostre risposte utili, tempestive, efficienti e cordiali.

Influenza della densità del nucleo sulla rigidezza di una superficie lamellare

31. luglio 2014

Tesi master

Autore: Vitor Dacol

Instituto de Pós-Graduação - IPOG, 15 pagine,
programmi e moduli utilizzati: RFEM

In questa tesi, lo studente analizza l'influenza della deviazione della densità del materiale che viene utilizzato in rigidità meccanica come strato centrale di una pannello lamellare. Le tensioni che agiscono lateralmente e nello strato centrale, come le deformazioni dell’intero modello vengono confrontate per varie densità di materiale dello strato centrale. I risultati dell'analisi sono stati messi in contrapposizione con i risultati del calcolo strutturale eseguito in RFEM. Con l’apporto di questa analisi, è possibile verificare l'influenza della densità dello strato centrale nella rigidezza meccanica delle superfici del multistrato. Tuttavia, per quanto riguarda le deviazioni limite della densità, non sono state osservate differenze importanti nelle superfici. L'intera tesi è stata effettuata in condizioni di elasticità' lineare.

Studio di fattibilità sulle paratoie fibrorinforzate a matrice polimerica della diga di sbarramento antitempesta sulla Schelda orientale (Paesi Bassi)

1. settembre 2013

Tesi master

Autore: Roeland van Straten, Onderduikersweg 2A, 8346 KP De Bult

TU Delft, responsabile: Prof. ir. F.S.K. Bijlaard, 323 pagine,
programmi e moduli utilizzati: RFEM, RF-LAMINATE

...Lo sbarramento sulla Schelda orientale è una barriera antitempesta semiaperta che si trova nella regione Sud-Occidentale dei Paesi Bassi che dovrebbe proteggere dalle inondazioni del Mare del Nordl la zona a sud dei delta. La barriera è realizzata con paratoie scorrevoli in acciaio che, essendo in ambiente salato, si corrodono rapidamente. In queste condizioni il periodo in cui il rivestimento dovrebbe proteggere le paratoie, è probabilmente troppo breve. Quindi, per garantire la funzionalità di tutte le paratoie è indispensabile la loro manutenzione. Ciò nonostante, le paratoie possono deteriorarsi in modo tale da far si che i costi di manutenzione potrebbero superare i costi della sostituzione delle stesse...

Progetto di ponte antisismico secondo DIN EN 1998-2

31. agosto 2013

Tesi diploma

Autore: Julian Finkbeiner, Hausackerstraße 9, 76185 Karlsruhe

Karlsruher Institut für Technologie (KIT), responsabile: Dipl.-Ing. G. Maltidis, 147 pagine,
programmi e moduli utilizzati: RFEM, moduli aggiuntivi

Oggetto di questa tesi è l'analisi di un ponte a trave di tre campate in costruzione solida. La sovrastruttura è costituita da cemento armato precompresso ed è dritta ma leggermente centinata. Il ponte dovrebbe essere costruito a Tübingen, in Germania. La città di Tübingen è situata nella valle del Neckar, tra la Foresta Nera settentrionale ed Giura Svevo, che è una delle regioni sismiche più attive della Germania.

In questa tesi si cerca di dimostrare, utilizzando il metodo di progettazione ed analisi secondo la normativa antisismica DIN EN 1998 parte 1 e 2, che il ponte non crollerà neanche sarà danneggiato in caso di attività sismica.

Vorrei ringraziare tutti ancora una volta, per l’aiuto e per il supporto tecnico.

Vorrei anche ringraziare la società Dlubal per avermi fornito il software. Lavorare con il vostro programma è stato davvero divertente e costruttivo, ed ho imparato molto durante la preparazione della mia tesi.

Ricerca relativa alla simulazione del comportamento strutturale di muri a secco

31. luglio 2013

Tesi bachelor

Autore: Daniela Böhner, Am Bach 5, 83026 Rosenheim

Hochschule Rosenheim, responsabile: Prof. Dr.-Ing. Benno Eierle Prof. Dr.-Ing. Jochen Pfau, 91 pagine,
programmi e moduli utilizzati: RFEM, moduli aggiuntivi

La produzione di muri a secco rappresenta un settore vantaggioso e promettente, ma ultimamente si trova ad affrontare un aumento di costi e pressione nei tempi di esecuzione. La progettazione stessa, anch’essa lunga e costosa, in pratica viene spesso realizzata solo dopo l’esecuzione delle opere.

Questo è il motivo per cui la tesi di laurea prende in considerazione, per la simulazione di un muro a secco, sia il metodo agli elementi finiti (FEM), che è un metodo già collaudato ed utilizzato in altri campi, sia lo sviluppo dei principi di base. Il tutto utilizzando RFEM, di Dlubal Software.

Progetto di una montagna russa in acciaio

9. luglio 2013

Tesi diploma

Autore: František Frimmer

Technická univerzita v Košiciach Stavebná fakulta,
programmi e moduli utilizzati: RFEM, RF-STEEL EC3, RF-HSS

Nella tesi di laurea dal titolo "Progetto di montagne russe in acciaio" lo studente ha effettuato una dettagliata analisi strutturale di una attrazione da lunapark, "le montagne russe", realizzata con una struttura di acciaio. La struttura è stata configurata con tutti i carichi previsti dalle normative. Nel caso specifico dei carichi in movimento la struttura in acciaio non è stata caricata in modo dinamico. Il calcolo dei carichi è stato semplificato dall'uso di fattori dinamici. Per ottenere i valori dei carichi e delle velocità, l'intera struttura è stata modellata nel simulatore poi, per il calcolo, i risultati sono stati trasferiti su RFEM. La durata di un giro sulle montagne russe è di 1:30 min, con una velocità massima di 83 Km/h. L'intera costruzione è stata progettata per lo stato limite ultimo e di esercizio.

Possibilità di determinare la rigidezza dei giunti del telaio usando i metodi analitici e numerici

29. gennaio 2013

Tesi diploma

Autore: Marta Kurejková

ČVUT v Praze, Fakulta Stavební, Thákurova 7, Praha,
programmi e moduli utilizzati: RFEM, RF-IMP, RF-STABILITY

Il lavoro si focalizza su paragonare il progetto di collegamenti usando il metodo dei componenti e degli elementi finiti. La parte introduttiva della tesi presenta un riassunto dei problemi di progettazione delle unioni bullonate con flangia di estremità usando il metodo dei componenti e degli elementi finiti. Una simulazione analitica del modello del collegamento reale si divide in componenti principali, la cui resistenza, rigidezza e capacità di deformazione sono derivate dai i principi meccanici e dai suoi caricamenti. La resistenza dei collegamenti determinata con il metodo dei componenti è paragonata con i risultati di calcolo di un modello numerico che include gli effetti del comportamento non lineare dei materiali. Si studiano i componenti critici, le tensioni e in ogni componente e nelle saldature e la distribuzione delle forze nei bulloni.

Design e progettazione di ponte pedonale realizzato in TRC

18. gennaio 2013

Lavoro di recerca

Autore: Abraham Brew-Sam

TU Dresden, responsabile: Prof. Dr.-Ing. E.h. Manfred Curbach, Dr.-Ing. Herald Michler,
programmi e moduli utilizzati: RFEM

TRC (cementoarmato tessile rinforzato) è un materiale che, ( con un tessuto di rinforzo leggero (1.8g/cm3), alta resistenza alla trazione delle maglie del tessuto (1000-3500N/mm2), elevata resistenza alla compressione della matrice(>70N/mm2), alta resistenza a corrosione della matrice, elevata resistenza alla flessione e torsione forza, ecc.), sembra imitare alcune delle problematiche che si presentano nelle tradizionali strutture in acciaio RC e soprattutto nel campo dei sistemi strutturali piani e a guscio. Esso fornisce infinite possibilità di rafforzamento nelle costruzioni di strutture leggere resistenti.

Con questi presupposti, si costruirebbe un ponte pedonale per collegare due edifici esistenti che distano tra loro più di 16 m. E' stata scelta una struttura in TRC a guscio a forma organica e con delle aperture lungo i lati longitudinali; massimizzando così i vantaggi dei materiali del TRC e assicurando il confort necessario ai pedoni. Il ponte è stato modellato, analizzato e ottimizzato usando il software RFEM della Dlubal. Conclusione e risultato: il ponte con una struttura a guscio sottile può essere progettato in TRC ma andrà ulteriormente ottimizzata la stabilità aggiungendo ulteriori tiranti in acciaio incorporati nella serie di nervature trasversali e longitudinali ed anche bloccando le estremità del ponte con una telaio in calcestruzzo per ridurne le deformazioni. Le proprietà della struttura principale a guscio erano:

Altezza massima: 4,00 m

Larghezza massima: 3,06 m

Spessore del guscio: 0,03 m

Raggio delle nervature : 0,1 m

No. di nervature longitudinali: 6

No. medio di strati di maglia: 3

Sviluppo di un sistema modulare per torre dell'acqua da installare in zone disastrate

17. luglio 2012

Tesi master

Autore: Jonas Schmidt

Fachgebiet Bauwerkserhaltung und Holzbau am Institut für Konstruktiven Ingenieurbau der Universität Kassel, responsabile: Prof. Dr.-Ing. Werner Seim, Fachgebiet Holzbau und Bauwerkserhaltung, Universität Kassel und Herr Claus Hemker, Consulting Architekt, Caritas International, 303 pagine,
programmi e moduli utilizzati: RFEM

Spesso, terremoti e altri disastri naturali si verificano nelle zone più povere della terra. Le reti per l’approvvigionamento acqua potabile, che spesso è già insufficiente, vengono ulteriormente danneggiate, e si crea il rischio di epidemie. La fornitura di acqua potabile e vivere nel rispetto delle condizioni igieniche sono molto importanti per l'esistenza umana.

La tesi descrive lo sviluppo di un sistema modulare per la realizzazione di torri per acqua che possono essere installate in aree disastrate. È stata cosi sviluppata una struttura portante anti-sismica, ed allo stesso tempo, funzionale e di facile realizzazione, anche da parte di lavoratori non qualificati, sotto la guida di istruttori, e con l’aiuto di pochi strumenti. Il fabbricato potrà contribuire alla necessità di fornire un rapido approvvigionamento di acqua potabile durante il periodo di ripristino delle reti idriche, fattore indispensabile in caso di emergenza per calamità naturali. La sfida più grande è stata quella di trovare un modo per far fronte alla difficile reperibilità di mezzi e di materiali.

Per la realizzazione, le squadre di salvataggio sanno che in tali circostanze, si trovino sul mercato solo legnami con sezioni limitate, e che i trasporti ed i montaggi sono estremamente difficoltosi. La costruzione realizzata nel campus universitario è stata concepita per una terremoto di magnitudo 5.5, e quindi, destinato ad una situazione post scossa principale. Dopo l’approvigionamento principale di acqua potabile, sarà possibile rinforzare la costruzione e predisporla anche per scosse di magnitudo fino a 7,0.

Il sistema strutturale è stato calcolato con RFEM.

1 - 10 di 34

Cerca

Tipo di tesi


Versione Student gratuita

Gratis per studenti

Durante gli studi offriamo agli studenti la possibilità di usare gratuitamente i nostri programmi, per scopi non commerciali.

Molti studenti hanno già beneficiato di questa offerta.

Tesi di laurea con Dlubal Software

“Vorrei ringraziare ancora una volta la società Dlubal Software per l'aiuto ed i consigli, nonché per avermi fornito il software. Mi è piaciuto molto lavorare con il programma ed imparare qualcosa di nuovo, naturalmente. Ho terminato e presentato la mia tesi di laurea con successo.”