Parametrizzazione dei sistemi frequentemente ricorrenti

ParametrI e modelli parametrizzati in RFEM/RSTAB

25. giugno 2015

Molti progetti condividono geometria e carichi simili. Per risparmiare tempo quando si effettua l'analisi strutturale, è utile parametrizzare i modelli strutturali. La parametrizzazione di tali sistemi è possibile con il programma agli elementi finiti RFEM e con il programma d'analisi strutturale della trave RSTAB. È possibile parametrizzare variabili come le lunghezze, gli angoli, le masse, i carichi, le sezioni trasversali, ecc.

I "parametri" possono essere usati nelle formule per determinare un valore numerico. Le formule sono monitorate con l'editor formule. Se si cambia un parametro, vengono regolati i risultati di tutte le formule usando questo parametro.

Il modello può essere salvato come file modello e creare un progetto "simile" è abbastanza facile: si apre il file modello e si regolano i parametri. 

La voce parametrizzata è anche idionea per i progetti dove devono essere previsti molti cambiamenti.

Database con i modelli parametrizzati a 1D/2D/3D

RFEM e RSTAB contengono, per impostazione predefinita, molti modelli strutturali ridefiniti nel "gestore blocchi", come le travi continue, i telai a 2D/3D, le travature a 2D/3D, i serbatoi, i solidi, le torri di raffreddamento, ecc.

La maggiorparte di questi cosiddetti "blocchi" posseggono parametri che possono essere modificati durante o dopo il carimento della struttura. I modelli modificati o definiti dall'utente possono essere salvati come blocchi (con o senza parametri) e gestiti nel gestore blocchi.

Questo video spiega i passaggi per i modelli parametrizzati:

Contattaci

Contattaci

Hai domande o hai bisogno di un consiglio?
Contattaci o trova soluzioni e consigli utili nella nostra pagina FAQ.


    +39 051 9525 443

    info@dlubal.it