1599x
000414
2015-08-24

CRANEWAY | Input

I dati di geometria, materiale, sezione trasversale, azioni e imperfezioni sono inseriti in finestre di input chiaramente organizzate:

Geometria

  • Immissione dei dati rapida e conveniente
  • Definizione delle condizioni del vincolo esterno in base a vari tipi di vincolo (incernierato, carrello, incastro e definito dall'utente, nonché laterale sull'ala superiore o inferiore)
  • Specifica opzionale del vincolo di ingobbamento
  • Disposizione variabile di irrigidimenti rigidi e deformabili
  • Possibilità di inserire cerniere

Sezioni trasversali di CRANEWAY

  • Sezioni trasversali laminate a forma di I (I, IPE, IPEa, IPEo, IPEv, HE-B, HE-A, HE-AA, HL, HE-M, HE, HD, HP, IPB-S, IPB-SB, W, UB, UC e altre sezioni trasversali secondo AISC, ARBED, British Steel, Gost, TU, JIS, YB, GB e altri) combinabili con irrigidimento della sezione sull'ala superiore (angolari o sezioni a C) e sulla rotaia (SA, SF) o giunto con dimensioni definite dall'utente
  • Sezioni a I asimmetriche (tipo IU) combinabili anche con irrigidimenti sull'ala superiore e con rotaia o piatto

Azioni

È possibile considerare le azioni di un massimo di tre gru azionate contemporaneamente. È possibile selezionare una gru standard dalla libreria. È anche possibile inserire i dati manualmente:

  • Numero di gru e assi della gru (massimo 20 assi per gru), interassi, posizione dei respingenti della gru
  • Classificazione in classi di danno con coefficienti dinamici modificabili secondo EN 1993-6 e in classi di sollevamento e categorie di esposizione secondo DIN 4132
  • Carichi verticali e orizzontali delle ruote da peso proprio, carico del paranco, forze di massa dall'azionamento, e carichi da serpeggiamento
  • Carico assiale in direzione di marcia e forze del respingente con eccentricità definite dall'utente
  • Carichi secondari permanenti e variabili con eccentricità definite dall'utente

Imperfezioni

  • Il carico di imperfezione si applica in conformità con il primo modo di vibrazione naturale, in modo identico per tutte le combinazioni di carico da progettare, o individualmente per ogni combinazione di carico, poiché le forme modali possono variare a seconda del carico.
  • Comodi strumenti disponibili per ridimensionare le forme modali (determinazione dell'altezza dell'inclinazione e della controfreccia).