Domande frequenti (FAQ)

Domande e risposte utili

  • Domande frequenti (FAQ)

Cerca FAQ

Mostra filtro Nascondi filtro





Assistenza clienti 24/7

KNOWLEDGE BASE

Oltre al supporto personale, offriamo risorse 24 ore su 24, 7 giorni su 7 attraverso il nostro sito web.

Newsletter

Ricevi regolarmente informazioni riguardo notizie, consigli utili, eventi, offerte speciali e buoni.

1 - 10 di 2862

Ordina per:

Modelli:

  • Risposta

    1) Il coefficiente di combinazione ortogonale predefinito è impostato su 0,3 (30%). Questo valore può essere modificato andando a Modifica parametri dell'edizione in Casi e combinazioni di carico (fig. 1)

    2) Nella scheda Casi di carico, creare i casi di carico sismico nelle direzioni X e Y con Qe come Categoria di azione. Specifica la direzione nella scheda Impostazioni aggiuntive (fig. 2)

    3) Nella scheda Situazioni di progetto, selezionare il pulsante Modifica guidata combinazioni. Nella scheda Opzioni standard , assicurarsi che l'opzione Includi combinazioni ortogonali sia attivata (fig. 3)

    4) Le CO generate, incluso il coefficiente di combinazione ortogonale, sono elencate nella scheda Combinazioni di carico (fig. 4)

  • Risposta

    Sì, questi spostamenti generalizzati sono accessibili in CRANEWAY. Pour les avoir, il faut cliquer sur « Analyse de déformation » dans la liste de l'arborescence - Résultats. È quindi possibile selezionare la modalità di output "Per posizione x" e scegliere il punto di vincolo esterno desiderato. I valori della deformazione rotazionale si possono leggere nella tabella -Dettagli.

  • Risposta

    Se i carichi delle aste sono generati da un carico superficiale, possono risultare carichi concentrati estremamente piccoli, a seconda della natura delle superfici. Se questi sono troppo piccoli per essere visualizzati con il numero di cifre decimali nell'output, il carico viene arrotondato al valore 0. La Figura 1 illustra questo effetto.

    Nella creazione guidata di carico, c'è la casella di controllo "Carico concentrato uniforme". Se attivati, tali carichi concentrati sono convertiti in carichi variabili. La Figura 2 mostra questa opzione nella creazione guidata di carichi "Carichi delle aste dalla creazione guidata di carichi superficiali".

  • Risposta

    Le differenze tra la nostra mappa del carico da neve e l'applicazione web HORA derivano dall'intervallo dei dati utilizzati. La nostra applicazione si riferisce rigorosamente alla norma valida ÖNORM B 1991-1-3: 2022-05 con un intervallo di 0,5 kN / m².

    La scheda HORA, d'altra parte, utilizza un intervallo di 0,1 kN / m². Pertanto, lo strumento Dlubal Geo-Zone fornisce i valori più conservativi, rigorosamente conformi agli standard.

    Le immagini mostrano la differenza per le stesse coordinate in una posizione di esempio in Austria. Sopra c'è la mappa eHORA, sotto il nostro strumento di geo-zone.

  • Risposta

    Fondamentalmente, ti consigliamo di mantenere aggiornato il driver della tua scheda grafica. Questo può risolvere molti problemi di visualizzazione.

    La nuova generazione di programmi richiede OpenGL 4.2. Se ciò non è possibile a causa della scheda grafica o dell'ambiente di virtualizzazione, i programmi RFEM 6, RSTAB 9 e RSECTION 1 possono essere utilizzati anche con il renderer software MESA dalla versione numero X.02.0022. MESA è una libreria grafica gratuita per implementare la funzionalità OpenGL.

    Per passare al renderer software MESA, procedi come segue:

    1° Aprire la cartella a seconda del programma interessato

    C:\Programmi\Dlubal\RFEM 6.02\bin

    C:\Programmi\Dlubal\RSTAB 9.02\bin

    C:\Programmi\Dlubal\RSECTION 1.02\bin

    2° Esegui lo script dei comandi di Windows "Abilita Software Renderer.cmd". Per questo, sono necessari i diritti di amministratore.

    Qualità del rendering

    Sono disponibili tre opzioni di rendering: Basso, medio, alto. Medio è utilizzato per impostazione predefinita. Se si desidera acquisire screenshot per scopi di marketing o per creare materiale di presentazione, le consigliamo l'impostazione con la qualità più alta.

    Importante

    I file "*.cmd" modificano le impostazioni dell'ambiente Windows per l'utente corrente. Possono verificarsi problemi con altri programmi se la libreria MESA è già stata installata e utilizzata per altro software sul computer.

    Se il flusso di lavoro mostrato non fornisce alcun miglioramento, è possibile che l'attivazione del renderer non sia riuscita a causa di diritti utente insufficienti. In questo caso, controlla se il file "opengl32.dll" è disponibile nella cartella sopra menzionata. In caso contrario, copiarlo dalla sottocartella "MESA" nella cartella "bin".

    Per disattivare il renderer software MESA, procedere allo stesso modo:

    1° Aprire la cartella a seconda del programma interessato

    C:\Programmi\Dlubal\RFEM 6.02\bin

    C:\Programmi\Dlubal\RSTAB 9.02\bin

    C:\Programmi\Dlubal\RSECTION 1.02\bin

    2° Esegui lo script dei comandi di Windows "Disabilita Software Renderer.cmd". Ciò richiede anche i diritti di amministratore.

  • Risposta

    Le proprietà di visualizzazione determinano il modo in cui un oggetto grafico viene visualizzato sullo schermo e nella stampa.

    La finestra di dialogo per l'adattamento della visualizzazione grafica viene richiamata tramite il menu "Opzioni → Visualizza proprietà" o tramite il gestore della configurazione.

    Tra le altre, è possibile specificare il carattere per i valori dei risultati tramite le proprietà di visualizzazione. A tale scopo, le impostazioni corrispondenti per la visualizzazione dello schermo e la relazione di calcolo devono essere effettuate separatamente.

    Tutte le impostazioni nelle proprietà di visualizzazione possono anche essere salvate in un modello o importate da un modello.

  • Risposta

    Nello sviluppo di RFEM 6, cerchiamo di implementare i principi dello sviluppo software agile [1]. In particolare, sviluppiamo il nostro software secondo le regole di SCRUM [2].

    Pertanto, nuove caratteristiche e correzioni di bug dovrebbero raggiungere l'utente il più rapidamente possibile. In cambio, il feedback dell'utente dovrebbe raggiungere rapidamente lo sviluppatore.

    Si suppone che il software migliori costantemente [3] e non sia sviluppato in grandi passi avanti.

    Al fine di evitare caratteristiche a metà, tutte le modifiche vengono inizialmente eseguite in rami separati. Dopo aver terminato e testato la caratteristica, questi rami sono integrati nel ramo principale e i test vengono eseguiti di nuovo. I test sono in gran parte automatizzati.

    Usiamo lo strumento Git [4] per la gestione delle versioni. Usiamo Jenkins [5] per l'integrazione e il test. Entrambi sono strumenti standard molto potenti per lo sviluppo di software agile.

    Se il software funziona senza problemi per l'utente, non è necessario installare una nuova versione ogni settimana. Quindi, è sufficiente aggiornare i luoghi di lavoro, forse ogni 4 o 8 settimane.

    Tuttavia, se si verificano problemi o mancano delle caratteristiche, è necessario installare prima la versione corrente.

    Non siamo gli unici a fare affidamento sui principi agili. Quasi tutte le grandi società di software li utilizzano ora.

    Al di fuori della classica industria del software, ci sono anche alcune aziende che sviluppano i loro prodotti in modo agile. L'esempio più noto è probabilmente la casa automobilistica Tesla [6].

    Anche nelle aree che non hanno nulla a che fare con lo sviluppo del software, viene utilizzato SCRUM. In questo episodio del podcast [7], il medico Oliver Emmler parla dell'applicazione nei soccorsi in caso di catastrofe.

  • Risposta

    Laddove le geometrie si complicano, diventa difficile utilizzare metodi analitici per la verifica. Gli elementi di saldatura in RFEM 6 sono particolarmente utili per tali applicazioni.

    RFEM 6 offre progetti per diversi tipi di saldature.

    Nell'elenco Tipo di collegamento, è possibile selezionare il modo in cui le superfici da collegare sono collegate tra loro.

    Poi è selezionato il tipo di saldatura.

    Infine, devono essere definiti i parametri della saldatura.

    Le saldature non pregiudicano la rigidezza del modello. Utilizzi le tensioni degli elementi di superficie e le valuti secondo le normative.

  • Risposta

    Con la creazione guidata di "Simulazione del vento", il programma offre supporto per la generazione di casi di carico di simulazione del vento. Questa creazione guidata genera un caso di carico di simulazione del vento con un input del modello completo per il calcolo RWIND che giace in background per un set di posizioni angolari definito dall'utente.

    Nel caso in cui sia necessario applicare un profilo del vento diverso a seconda dell'angolo, la creazione guidata consente diverse frasi di input. Per fare ciò, procedere come segue:

    1. Aprire la creazione guidata di carichi di simulazione del vento
    2. Nella prima frase di input, definire il profilo del vento da considerare per un segmento di posizione angolare specifico
    3. Genera un altro blocco di input con un altro profilo del vento per il segmento di posizione angolare pertinente
    4. Ripetere il passaggio 3 fino a quando tutti i segmenti non sono stati coperti
  • Risposta

    Per definire una o più aste utilizzando le stesse proprietà di un'altra asta, selezionare l'aste che si desidera modificare e fare clic sul pulsante "Seleziona le proprietà dell'oggetto nell'area grafica".

    Quindi, sarà possibile assegnare alle aste le diverse proprietà dell'asta, come ad esempio:

    • Tipo di asta
    • Le opzioni di eccentricità, cerniere, ecc
    • sezione
    • Proprietà di verifica di calcestruzzo, acciaio, legno, ecc

    Et pour les autres objets ?

    È anche possibile recuperare le proprietà dai seguenti altri oggetti base o tipi di oggetti ':

    • Linee
    • Numero di superfici
    • Solidi
    • set di aste
    • vincoli interni delle linee
    • Eccentricità asta/superficie
    • Carichi

1 - 10 di 2862

Contattaci

Contatta Dlubal

Hai trovato la tua domanda?
In caso contrario, contattaci gratuitamente tramite e-mail, chat o il forum di supporto, o inviaci la tua domanda tramite il modulo online.

+39 051 9525 443

[email protected]

Primi passi

Primi passi

Forniamo suggerimenti e consigli per aiutarti a iniziare con il programma RFEM.

Simulazione del vento e Generazione carico da vento

Con il programma stand-alone RWIND Simulation, è possibile simulare i flussi del vento attorno a strutture semplici o complesse per mezzo di una galleria del vento digitale.

I carichi del vento generato che agiscono su questi oggetti possono essere importati in RFEM e RSTAB.

Veramente la miglior assistenza tecnica

“Un sentito grazie per le utili informazioni.

Vorrei fare un complimento al vostro team di assistenza tecnica Sono sempre sorpreso da come trovate le risposte alle mie domande velocemente e professionalmente. Nel settore dell'analisi strutturale, uso diversi software compresi di contratti di servizio, ma la vostra assistenza è di gran lunga la migliore.”