Vincoli interni delle linee in RFEM 6

Articolo tecnico sul tema Analisi strutturale con Dlubal Software

  • Knowledge Base

Articolo tecnico

Questo articolo è stato tradotto da Google Traduttore

Visualizza il testo originale

Il collegamento tra superfici di contatto tramite una linea deve essere considerata correttamente nella modellazione. Ciò può essere fatto definendo un vincolo interno della linea sulla linea di contorno tra le superfici. Un vincolo interno della linea consente di controllare il trasferimento delle forze interne da una superficie all'altra definendo determinati gradi di libertà. Ad esempio, un vincolo interno della linea in una struttura in calcestruzzo può essere utilizzato per definire uno spazio di assemblaggio. Nelle strutture in legno, questo elemento è richiesto a causa della trasmissione rotazionale molto limitata delle forze.

Definizione dei vincoli interni delle linee

In RFEM 6, i cardini delle linee possono essere definiti utilizzando il menu "Inserisci". Sono anche disponibili come "Tipi per linee" nel navigatore Dati (Immagine 1). Il modo per definirli sarà descritto per il collegamento della struttura mostrata nell'immagine 1.

Per definire un cardine della linea per le superfici che si toccano su una linea, è necessario assegnare il cardine sia a una linea che a una superficie (come verrà mostrato più avanti). Un cardine di linea può essere definito su qualsiasi linea di contorno della superficie, ma non su una linea integrata nella superficie, come nel caso di RFEM 5. Per fare ciò in RFEM 6, è necessario prima dividere la superficie con una linea di intersezione per convertire una linea integrata nella superficie in una linea di confine. Questo può essere fatto con l'aiuto della funzione "Dividi superficie con linee intersecanti" (Figura 2). Quindi, se c'è solo una superficie invece di due superfici separate (cioè, solo la superficie nr. 2 nell'immagine 2), è necessario utilizzare l'opzione sopra menzionata per dividerla e ottenere due superfici separate, come nel caso di Superficie Nr. 2 e la superficie nr. 3 nell'immagine 1.

Condizioni della cerniera

Definire i cardini delle linee significa, infatti, controllarne i gradi di libertà. La scheda "Principale" della finestra "Nuova articolazione della linea" controlla questi parametri di base, noti come "Condizioni della cerniera". Contrariamente ai vincoli esterni, il grado di libertà per i cardini delle linee viene attivato selezionando la casella (per i vincoli esterni, il grado di libertà è quindi deselezionato). I gradi di libertà per i cardini delle linee sono divisi in tre gradi traslazionali e uno rotazionale. Il primo descrive gli spostamenti nella direzione degli assi locali, mentre il secondo descrive la rotazione attorno all'asse della linea longitudinale. Pertanto, per definire un cardine, è necessario prima selezionare la casella di controllo per il rispettivo asse. Quindi, è possibile impostare la costante della molla traslazionale o rotazionale su zero, ma è anche possibile regolare la "Costante della molla" per modellare una cerniera elastica.

Tenere presente che le definizioni di svincolo del cardine della linea non si riferiscono alle forze interne all'interno della superficie, ma al sistema di coordinate locali del cardine della linea. I gradi di libertà si basano sulla definizione dell'asse seguente: l'asse x punta nella direzione della linea, l'asse y è la tangente al piano della superficie e l'asse z è la normale alla superficie. Quindi, il grado di libertà ux riduce la trasmissione della forza lungo il bordo della superficie e φx corrisponde a un giunto a cerniera.

Nella colonna "Non linearità" (Immagine 5) della finestra di dialogo "Nuovo vincolo della linea", è possibile controllare in modo specifico il trasferimento delle forze interne e dei momenti per ciascun componente. Sebbene in questo esempio sia selezionato "Nessuno", le opzioni disponibili nell'elenco delle non linearità sono: “Fisso se negativo/positivo n/mx ” (ovvero, è possibile controllare se l'effetto incernierato è dato solo per forze o momenti positivi/negativi); "Attività parziale" (ovvero, puoi definire tu stesso il tipo e i parametri per le zone negative e positive); e "Diagramma" (ovvero, è possibile definire il numero di punti di definizione per il diagramma di lavoro inserendo i valori corrispondenti). Per una cerniera φx con proprietà non lineari, è anche possibile definire un diagramma forza/momento (ovvero, è possibile definire i punti di definizione definendo i valori per la forza e i corrispondenti momenti massimo e minimo).

Nella finestra di dialogo "Nuova articolazione della linea" (Figura 3 e Figura 5) puoi anche vedere l'opzione chiamata "Collegamento soletta-parete" (disponibile nella sezione "Opzioni"). È possibile attivare questa opzione per i collegamenti soletta-parete nelle strutture in muratura. In questo modo, è possibile gestire i parametri del cardine della linea in modo da limitare la trasmissione dei momenti. Ciò è necessario perché nel caso di collegamenti soletta-parete in strutture in muratura, i momenti non sono trasferiti indefinitamente, ma solo in funzione delle forze assiali. Dato che questa opzione non è rilevante per l'esempio in questo articolo, sarà discussa in modo più dettagliato in un prossimo articolo della Knowledge Base sull'argomento specifico.

Una volta definiti tutti i parametri del cardine della linea, è necessario assegnare il cardine sia a una linea che a una superficie. In questo esempio, si tratta della superficie nr. 3 e della linea nr. 2. Puoi farlo usando l'icona "Seleziona superfici/linee" nell'angolo in alto a destra della finestra di dialogo "Nuova cerniera della linea"; seleziona semplicemente la superficie e la linea di interesse come mostrato nell'immagine 6.

Il cardine della linea generato in questo modo è finalmente disponibile nella finestra di lavoro di RFEM 6, come mostrato nell'immagine 7.

Sommario

I cardini delle linee consentono di considerare correttamente la connessione tra le superfici che si toccano su una linea. Questa considerazione si basa sulla possibilità di controllare determinati gradi di libertà, limitando così la trasmissione di forze e momenti interni. In questo modo, è possibile considerare l'intero disaccoppiamento di superfici o accoppiamenti elastici per mezzo di molle lineari. Nella costruzione in calcestruzzo, i cardini delle linee possono essere utilizzati per definire un gioco di assieme. Nelle costruzioni in legno, la modellazione con cerniere lineari è necessaria a causa della trasmissione delle forze rotazionali molto limitata.

Autore

Irena Kirova, M.Sc.

Irena Kirova, M.Sc.

Marketing e assistenza clienti

La Sig.ra Kirova è responsabile della creazione di articoli tecnici e fornisce supporto tecnico ai clienti Dlubal.

Parole chiave

Vincolo interno della linea Condizioni del vincolo interno

Link

Scrivi un commento...

Scrivi un commento...

  • Visualizzazioni 486x
  • Aggiornato 11. gennaio 2023

Contattaci

Contatta Dlubal

Ha altre domande o ha bisogno di consigli? Contattaci tramite telefono, e-mail, chat o forum, oppure effettua una ricerca nella pagina delle FAQ, disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

+39 051 9525 443

[email protected]

Corsi di formazione online | Inglese

Eurocodice 3 | Strutture in acciaio secondo DIN EN 1993-1-1

Corsi di formazione online 2. marzo 2023 9:00 - 13:00 CET

Corsi di formazione online | Inglese

Eurocodice 5 | Strutture in legno secondo DIN EN 1995-1-1

Corsi di formazione online 16. marzo 2023 9:00 - 13:00 CET

Corsi di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Analisi dinamica e verifica sismica secondo EC 8

Corsi di formazione online 30. marzo 2023 9:00 - 13:00 CEST

Corsi di formazione online | Inglese

Eurocodice 2 | Strutture di calcestruzzo secondo DIN EN 1992-1-1

Corsi di formazione online 26. gennaio 2023 9:00 - 13:00 CET

Modellazione e verifica di pannelli CLT in RFEM 6

Modellazione e verifica di pannelli CLT in RFEM 6

Webinar 19. gennaio 2023 14:00 - 15:00 CET

Corsi di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Base

Corsi di formazione online 19. gennaio 2023 9:00 - 13:00 CET

Nuove caratteristiche in RFEM 6 e RSTAB 9

Nuove funzioni in RFEM 6 ed RSTAB 9

Webinar 21. dicembre 2022 14:00 - 15:00 CET

Integrazione di Revit, IFC e DXF in RFEM 6 (USA)

Integrazione di Revit, IFC e DXF in RFEM 6 (USA)

Webinar 15. dicembre 2022 14:00 - 15:00 EDT

Analisi delle tensioni di superfici e di aste in RFEM 6

Analisi delle tensioni di superfici e di aste in RFEM 6

Webinar 15. dicembre 2022 14:00 - 15:00 CET

Corsi di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Studenti | Introduzione alla verifica del calcestruzzo armato

Corsi di formazione online 12. dicembre 2022 16:00 - 17:00 CET

Corso di formazione online | Inglese

Eurocodice 5 | Strutture di legno secondo DIN EN 1995-1-1

Corsi di formazione online 8. dicembre 2022 9:00 - 13:00 CET

Analisi geotecnica mediante fasi costruttive in RFEM 6

Analisi geotecnica con le fasi costruttive in RFEM 6

Webinar 1. dicembre 2022 14:00 - 15:00 CET

Form-Finding e calcolo delle tensostrutture in RFEM 6

Form-Finding e calcolo delle tensostrutture in RFEM 6

Webinar 30. novembre 2022 14:00 - 15:00 CET

Corso di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Studenti | Introduzione alla verifica del legno

Corsi di formazione online 25. novembre 2022 16:00 - 17:00 CET

RFEM 6
Ingresso con copertura ad arco

Programma principale

Il programma di analisi strutturale RFEM 6 è la base di un sistema software modulare. Il programma principale RFEM 6 viene utilizzato per definire strutture, materiali e carichi di sistemi strutturali piani e spaziali costituiti da piastre, pareti, gusci e aste. Con il programma è possibile progettare anche strutture composte, elementi solidi e di contatto.

Prezzo della prima licenza
4.450,00 EUR