Knowledge Base

Cerca





Perché Dlubal Software?

solutions

  • Più di 45.000 utenti in 95 Paesi
  • Un solo software per tutti settori
  • Supporto gratuito fornito da ingegneri esperti
  • Intuitivo e facile da imparare
  • Eccellente rapporto qualità/prezzo
  • Sistema modulare flessibile ed estensibile in fuzione delle proprie necessità
  • Licenze singole o di rete
  • Software verificato dall'utilizzo in molti progetti noti

Newsletter

Ricevi regolarmente informazioni riguardo notizie, consigli utili, eventi, offerte speciali e buoni.

  1. Importazione delle modifiche di rigidezza

    Importazione delle modifiche di rigidezza

    In RF-/DYNAM Pro - Natural Vibrations, è possibile importare le azioni assiali e le modifiche di rigidezza da qualsiasi caso di carico (CC) o combinazione di carico (CO). È possibile modificare le proprietà di materiali, sezioni trasversali, aste e superfici e attivare le modifiche nei parametri di calcolo dei CC o delle CO.

  2. Figura 01 - Accelerazione spettrale Sa [m / s²] rispetto alla frequenza naturale f [Hz] dello spettro di risposta a banda stretta secondo EN 1998-1 [1]

    Metodo ZPA nell'analisi dello spettro di risposta

    In un'analisi di spettro di risposta multimodale, è importante determinare un numero sufficiente di autovalori della struttura e considerare le loro risposte dinamiche. Normative come la EN 1998-1 [1] e altre normative internazionali richiedono l'attivazione del 90% della massa strutturale. Ciò significa: determinare quanti più autovalori la somma del fattore di massa modale effettiva è maggiore di 0.9.

  3. Le combinazioni quadratiche SRSS e CQC come ''combinazioni equivalenti lineari''

    Le combinazioni quadratiche SRSS e CQC come ''combinazioni equivalenti lineari''

    I risultati modali di un’analisi con spettro di risposta sono combinati con regole quadratiche. In RF /DYNAM Pro, è possibile considerare le regole di combinazione SRSS e CQC. Le impostazioni predefinite modificano le espressioni quadratiche in combinazioni equivalenti lineari. Questa opzione ha il vantaggio di conservare i segni delle forze interne fornendo valori minori rispetto alle regole standard SRSS o CQC, che risultano essere più conservative.

  4. Esempio di calcolo

    In questo esempio, si deve determinare la resistenza di progetto di una piastra terminale secondo EN 1993-1-8 [1] ; gli altri componenti non sono descritti qui. Per verificare i risultati, sono state utilizzate le dimensioni della connessione IH 3.1 B 30 24 di Tipified Connections [2] . Si utilizza il materiale S 235 e si applicano i bulloni con la forza 10.9.

  5. Structural System

    Controllo del carico climatico su pannelli di vetro coibentati di strutture in vetro

    Il caricamento di lastre di vetro isolante a causa degli effetti climatici è chiaramente regolato nella DIN 18008. Nel caso della geometria della lastra corrispondente, questo tipo di carico può essere utilizzato anche per il progetto definitivo dello stato limite. Il progetto FE su tutta la struttura con lo spazio tra i riquadri rappresentato come il volume di un gas fornisce risultati esatti per l'analisi. Tuttavia, un controllo di plausibilità sta diventando sempre più importante. Questo articolo mostra varie opzioni su come eseguire questi controlli.

  6. Figura 01 - Selecting Method for Determining Load Increasing Factor β

    Determinazione del carico Fattore crescente β con il modello di settore

    Il modulo aggiuntivo RF-PUNCH Pro consente di eseguire progetti di punzonatura secondo EN 1992-1-1 [1] . Oltre ai progetti di colonne singole, è anche possibile analizzare le estremità delle pareti e gli angoli delle pareti in RF-PUNCH Pro.

    A questo punto, vorrei anche fare riferimento a un precedente articolo su RF-PUNCH Pro , che spiega come determinare il carico di punzonatura sulle estremità delle pareti e sugli angoli delle pareti.

  7. Bending Moment Distribution on Entire Structure and Extracted Structure
  8. 1 - Riduzione dell'edificio ad una struttura a sbalzo. I singoli punti di massa rappresentano i piani. Lo spostamento dovuto alle forze normali di compressione mostrato in (a) viene convertito in (b) momenti di ribaltamento o carichi laterali [2].

    Considerare gli effetti della teoria del secondo ordine nell'analisi dinamica

    Per le verifiche agli stati limite ultimi, EN 1998‑1 [1], Sezioni 2.2.2 e 4.4.2.2, richiede un calcolo con la considerazione della teoria del secondo ordine (effetto P‑Δ). Tali effetti devono essere considerati solo se il coefficiente di sensibilità rispetto al movimento relativo tra i piani θ è minore di 0.1.

  9. 1 - Basic Control Perimeter Around Column Considering Two Openings

    Verifica a taglio-punzonamento secondo Eurocodice 2 in RFEM

    Per i componenti strutturali costituiti da piastre, è necessario eseguire la verifica a taglio nei punti di concentrazione di carichi, applicando la verifica a taglio-punzonamento secondo il paragrafo 6.4 dell'EN 1992-1-1 [1]. I punti da prendere in esame sono solitamente quelli in cui agiscono carichi concentrati, i punti di attacco dei pilastri o dei vincoli esterni nodali. Situazioni critiche vengono generate anche dall'estremità dei carichi lineari, come le estremità o i vertici delle pareti, e i vincoli esterni lineari. È possibile eseguire la verifica a taglio-punzonamento per solai e piastre di fondazione, in funzione della topologia della piastra in prossimità del nodo. La verifica a taglio-punzonamento secondo EN 1992-1-1 verifica la forza che la forza di taglio agente vEd non ecceda la resistenza vRd.

  10. 1 - Calculation Parameters of Load Case

    Considerazione delle fasi di costruzione in RFEM

    Lo stato attuale di sviluppo di software agli elementi finiti e calcolatori consente il calcolo di strutture sempre più complesse, effettuato su di un unico intero modello. Ciò determina la presenza di alcune problematiche pratiche di costruzione, come quella relativa alla considerazione delle fasi di costruzione nel modello.

1 - 10 di 215

Contattaci

Contattaci

Hai domande o bisogno di consigli?
Contattaci gratuitamente tramite e-mail, chat o il nostro forum di supporto o trova varie soluzioni e consigli utili nella nostra pagina delle FAQ.

+39 051 9525 443

info@dlubal.it

Assistenza clienti 24/7

Oltre al nostro supporto tecnico (ad es. tramite chat), sul nostro sito internet troverai risorse che potrebbero esserti d'aiuto nella progettazione con Dlubal Software.

Primi passi

Primi passi

Offriamo suggerimenti e consigli utili per aiutarti a familiarizzare con i programmi principali RFEM e RSTAB.

Software potente ed efficace

“Credo che il software è così potente e capace che la gente apprezzerà sicuramente il suo potere dopo che ne avranno preso dimestichezza.”