RFEM Programma di analisi strutturale FEA

Creazione automatica di combinazioni di carico

In RFEM è possibile creare automaticamente combinazioni di carico e di risultati secondo gli Eurocodici e secondo altre normative internazionali, sempre tenendo conto delle regole di combinazione corrispondenti. Inoltre, è possibile copiare, aggiungere o rinumerare, i casi di carico, che sono rappresentati ed ordinati in finestre di dialogo di chiara consultazione. I casi e le combinazioni di carico sono riportati nelle tabelle da 2.1 a 2.6.

  1. Scelta della normativa nei dati generali del modello

    Normative

    La finestra di dialogo dei dati generali comprende una vasta gamma di normative e la possibilità di creare combinazioni automaticamente. Sono disponibili le seguenti norme:

    •  EN 1990:2002
    •  EN 1990 + EN 1995:2004 (legno)
    •  EN 1990 + EN 1991-2; Ponti stradali
    •  EN 1990 + EN 1991-3; Gru
    •  EN 1990 + EN 1997
    •  DIN 1055-100:2001-03
    •  DIN 1055-100 + DIN 1052:2004-08 (legno)
    •  DIN 1055-100 + DIN 18008 (vetro)
    •  DIN 1052 (semplificato) (legno)
    •  DIN 18800:1990
    • United Kingdom BS  5950-1:2000
    •  ASCE 7-10
    •  ASCE 7-10 NDS (legno)
    •  ACI 318-14
    •  IBC 2015
    • Canada CAN/CSA S 16.1-94:1994
    • Canada NBCC: 2005
    • Brazil NBR 8681
    •  IS 800:2007
    •  SIA 260:2003
    •  SIA 260 + SIA 265:2003
    •  CTE DB-SE
    • China GB 50009-2012

    Per le normative europee sono disponibili le seguenti Appendici Nazionali (AN):

    •  UNI EN 1990/NA:2007-07 (Italia)
    •  ÖNORM EN 1990:2007-02 (Austria)
    •  NBN EN 1990 – ANB: 2005 (Belgio)
    •  TKP EN 1990/NA:2011 (Bielorussia)
    • Bulgaria BDS EN 1990:2003/NA:2008 (Bulgaria)
    • Cyprus CYS EN 1990:2002 (Cipro)
    •  DK EN 1990/NA:2007-07 (Danimarca)
    •  SFS EN  1990/NA:2005 (Finlandia)
    •  NF EN 1990/NA:2005/12 (Francia)
    •  DIN EN 1990/NA:2009-05 (Germania)
    •  ELOT EN 1990:2009 (Grecia)
    •  IS EN 1990:2002 + NA:2010 (Irlanda)
    •  LVS EN 1990:2003 /NA:2010 (Lettonia)
    •  LST EN 1990/NA:2010-11 (Lituania)
    •  LU  EN 1990/NA:2011-09 (Lussemburgo)
    •  ME EN 1990:2010 (Malesia)
    • Norway NS EN 1990/NA:2008 (Norvegia)
    •  NEN EN 1990/NA:2006 (Paesi Bassi)
    •  PN EN 1990/NA:2004 (Polonia)
    •  NP EN 1990:2009 (Portogallo)
    • United Kingdom BS EN 1990/NA:2004-12 (Regno Unito)
    •  CSN EN 1990/NA:2004-03 (Repubblica Ceca)
    •  SE EN 1990/NA:2006-10 (Romania)
    •  SS EN 1990:2008 (Singapore)
    •  STN EN 1990/NA:2009-08 (Slovacchia)
    •  SIST EN 1990: 2004/A1:2005 (Slovenia)
    •  UNE EN 1990 2003 (Spagna)
    •  SS EN 1990/ BFS 2010:28 (Svezia)
  2. Assegnare i tipi di azioni ai casi di carico

    Casi di carico / tipi di azioni

    Nella finestra di dialogo "Modifica casi e combinazioni di carico", non solo si creano e si gestiscono i casi di carico ma anche le combinazioni di azioni, di carico e di risultati. È possibile assegnare diversi tipi di azioni ai singoli casi di carico in conformità con la normativa selezionata. Se più carichi sono stati assegnati ad un tipo di azione, possono essere configurati simultaneamente o alternativamente (per esempio vento proveniente da destra e da sinistra).

  3. Assegnare le situazioni progettuali alle combinazioni delle normative

    Espressioni di combinazione

    Per la combinazione di azioni nello stato limite ultimo e di esercizio è possibile scegliere tra diverse situazioni progettuali secondo la normativa (ad es. : ULS (STR / GEO) - permanente/transitorio, SLS - quasi-permanente, ecc.) Inoltre, nella combinazione, si ha la possibilità di integrare delle imperfezioni e di determinare dei casi di carico con altri casi di carico che non si desidera combinare (ad esempio carico di costruzione di tetto non in combinazione con carico di neve).

  4. Selezionando una situazione di progetto "Neve-Eccezionale"

    Situazione progettuale eccezionale

    La situazione progettuale "Eccezionale" considera automaticamente le azioni eccezionali come i sismi, i carichi esplosivi, le collisioni ed altro. Usando le normative tedesche, è possibile selezionare la situazione progettuale "Neve-Eccezionale" per considerare automaticamente la "Pianura della Germania del nord".

  5. Riduzione delle combinazioni in casi di carico

    Riduzione delle combinazioni generate automaticamente

    Ci sono tre possibilità per ridurre il numero di combinazioni. Le prime due procedure sono utilizzabili per generare delle combinazioni di carichi ma non per combinazioni di risultati.

    Con la prima possibilità si possono analizzare automaticamente tutti i risultati dei casi di carico di elementi selezionati (forze interne e spostamenti generalizzati ecc.). In seguito, il programma genererà solo quelle combinazioni che comprendono i casi di carico che producono un massimo o un minimo. Inoltre, è possibile definire un numero massimo di casi di carico rilevanti, oppure è possibile trascurare i casi di carico che forniscono solo un piccolo contributo ai valori massimi e minimi.

    La seconda possibilità permette al programma di valutare automaticamente le combinazioni di risultati generati temporaneamente o definite dall'utente. Poi saranno create solo le combinazioni di carico determinanti.

    La terza possibilità riduce il numero delle combinazioni generate e classifica solo le azioni selezionate come azioni principali.

  6. Azioni nelle combinazioni di azioni generate

    Combinazioni di azioni

    Le azioni sono automaticamente sovrapposte secondo le regole di combinazione e poi sono visualizzate come "combinazioni di azioni". Così facendo è possibile definire quali delle combinazioni di azioni verranno prese in considerazione per la generazione di combinazioni di carico e di risultati. In base alle combinazioni di azioni create è possibile stimare il modo con cui le espressioni di combinazione influenzeranno il numero di combinazioni.

  7. Calcolo dei parametri delle combinazioni di carico

    Combinazioni di carico

    I casi di carico contenuti nelle combinazioni di carico verranno sommati e poi calcolati tenendo in considerazione i corrispondenti coefficienti (il coefficiente parziale di sicurezza e di combinazione, e coefficienti riguardanti le classi di conseguenza ecc.). Le combinazioni di carico possono essere create automaticamente in accordo con le espressioni di combinazione in conformità con le normative. I calcoli possono essere eseguiti secondo la statica lineare, l'analisi del secondo ordine o a grandi spostamenti e della rottura post-critica. Con altre opzioni è possibile decidere per esempio se le forze interne siano legate alla struttura deformata o indeformata.

  8. Carichi nella combinazione di risultati

    Combinazioni di risultati

    Nelle combinazioni di risultati, i casi di carico inclusi sono calcolati per primi. Di seguito i risultati verranno sovrapposti prendendo in considerazione i corrispondenti coefficienti. Nelle combinazioni dei risultati, è possibile sovrapporre i risultati dei casi e delle combinazioni di carico ed i risultati di altre combinazioni. Le forze interne si sommano come impostazione predefinita, tuttavia, entrambi i programmi principali offrono l'opzione di una somma quadratica che è pertinente per le analisi dinamiche.

  9. Riduzione della rigidezza nella combinazione di carico

    Modifica della rigidezza / considerazione degli spostamenti generalizzati iniziali

    Nei singoli casi o combinazioni di carico è possibile modificare la rigidezza dei materiali, delle sezioni trasversali, dei vincoli esterni nodali ecc. per tutte le aste selezionate. Inoltre, è possibile considerare gli spostamenti iniziali generalizzati generati da altri casi o combinazioni di carico.

Contattaci

Contatti Dlubal

Domande sui nostri prodotti? Hai bisogno di consigli per il tuo progetto?
Contattaci o trova soluzioni e consigli utili nella nostra pagina FAQ.

+39 051 9525 443

info@dlubal.it

Elenco completo delle caratteristiche

Caratteristiche di RFEM 5

Scarica l'elenco completo delle caratteristiche completo delle informazioni dettagliate delle nuove caratteristiche in RFEM 5.

RFEM Programma principale
RFEM 5.xx

Programma principale

Software di progettazione strutturale per l'analisi con elementi finiti (FEA) di sistemi strutturali piani e spaziali costituiti da piastre, pareti, gusci, aste (travi), elementi solidi e di contatto

RSTAB Programma principale
RSTAB 8.xx

Programma principale

Software di progettazione strutturale per il calcolo lineare e non lineare di forze interne, spostamenti generalizzati e reazioni vincolari di telai e strutture costituite da aste e travature reticolari

Sezioni trasversali Pareti sottili
SHAPE-THIN 8.xx

Proprietà delle sezioni trasversali

Proprietà, analisi tensionale, e progetto plastico di sezioni trasversali in parete sottile aperte e chiuse

RFEM Strutture in acciaio e alluminio
RF-STEEL EC3 5.xx

Modulo aggiuntivo

Progettazione delle aste di acciaio secondo Eurocodice 3

RFEM Strutture in cemento armato
RF-CONCRETE 5.xx

Modulo aggiuntivo

Progettazione delle aste e delle superfici di cemento armato (piastre, pareti, strutture piane, gusci)

RFEM Strutture in legno
RF-TIMBER Pro 5.xx

Modulo aggiuntivo

Progettazione di strutture in legno secondo Eurocodice 5, SIA 265 e/o DIN 1052

RFEM Analisi dinamica
RF-DYNAM Pro - Natural Vibrations  5.xx

Modulo aggiuntivo

Analisi dinamica di frequenze naturali e forme modali di modelli costituiti da aste, superfici e solidi

RFEM Analisi dinamica
RF-DYNAM Pro - Forced Vibrations 5.xx

Modulo aggiuntivo

Analisi delle frequenze naturali compresa analisi time history e modale con spettro di riposta

RFEM Strutture in acciaio e alluminio
RF-STEEL Warping Torsion 5.xx

Estensione per RF-STEEL EC3

Analisi di instabilità flesso-torsionale del secondo ordine con 7 gradi di libertà

RFEM Strutture a membrana
RF-FORM-FINDING 5.xx

Modulo aggiuntivo

Form-Finding per strutture a membrana e tensostrutture

RFEM Sistemi di tubazioni
RF-PIPING 5.xx

Modulo aggiuntivo

Modellazione di sistemi di tubazioni

RFEM Strutture in vetro
RF-GLASS 5.xx

Modulo aggiuntivo

Progettazione di pannelli di vetro monostrato, stratificato e vetrocamera

RSTAB Strutture in acciaio e alluminio
STEEL 8.xx

Modulo aggiuntivo

Analisi tensionale di aste in acciaio

RSTAB Strutture in acciaio e alluminio
STEEL EC3 8.xx

Modulo aggiuntivo

Progettazione di aste di acciaio secondo Eurocodice 3

RSTAB Strutture in acciaio e alluminio
STEEL Warping Torsion 8.xx

Estensione per STEEL EC3

Analisi di instabilità flesso-torsionale del secondo ordine con 7 gradi di libertà

RSTAB Altri
RSIMP 8.xx

Modulo aggiuntivo

Generazione delle strutture predeformate ed imperfezioni equivalenti per il calcolo non-linearità geometriche

RSTAB Strutture in cemento armato
CONCRETE 8.xx

Modulo aggiuntivo

Analisi lineare e non-lineare delle aste di calcestruzzo armato con concetto di armatura