Parametrizzazione dei modelli in RFEM 6/RSTAB 9

Articolo tecnico sul tema Analisi strutturale con Dlubal Software

  • Knowledge Base

Articolo tecnico

Questo articolo è stato tradotto da Google Traduttore

Visualizza il testo originale

I programmi RFEM e RSTAB forniscono un input parametrico come una caratteristica vantaggiosa del prodotto per creare o modificare modelli per mezzo di variabili. In questo modo, è possibile inserire i dati del modello e caricare i dati come dipendenti da queste variabili (ad esempio per lunghezza, larghezza, carico del traffico, ecc.). Queste variabili sono anche chiamate parametri e sono impostate in un elenco chiaro disponibile nei programmi. Puoi usarli nelle formule per determinare un valore numerico. Pertanto, se si modifica un parametro nell'elenco dei parametri, i risultati di tutte le formule che utilizzano questo parametro vengono adattati.

Questo articolo ti mostrerà come parametrizzare l'elemento di controvento della cella di travatura reticolare mostrata nell'immagine 1.

Supponendo che la struttura sia già stata modellata in RFEM 6 assegnando aste e definendo le condizioni al contorno come mostrato nell'immagine 2, il passo successivo è definire il controvento. Come accennato in precedenza, questo elemento sarà definito utilizzando un input parametrico. In questo modo, i parametri possono essere ottimizzati in un secondo momento e il programma può determinare automaticamente la posizione ottimale dell'elemento.

Primo, è possibile creare nodi intermedi sia sui correnti superiore (asta 2) sia su quella inferiore (asta 3) e collegarli con una linea semplice. Per definire questi nodi, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla singola asta → dividi asta → n nodi intermedi. È importante creare i nodi senza dividere letteralmente le aste; pertanto, è necessario selezionare la casella di controllo associata come mostrato nell'immagine 3.

In tal modo, è possibile vedere nelle proprietà dei nodi che hanno il tipo "Sull'asta", e l'asta rimane un elemento intero. Poiché la singola asta è stata divisa per un nodo intermedio, la distanza relativa tra il nodo creato e i nodi iniziali e finali dell'asta è del 50%. Tuttavia, i quattro campi di immissione sono interattivi e, oltre a questa specifica relativa, è possibile inserire il valore come una distanza assoluta (cioè una lunghezza).

Ora è possibile iniziare ad assegnare i parametri tramite il menu Modifica → Parametri globali. Le variabili da definire provengono dal gruppo di unità "lunghezza", poiché siamo interessati a posizionare l'elemento di controvento che è rappresentato dalla posizione dei suoi nodi sui correnti superiore e inferiore. Quindi, è possibile definire i parametri come mostrato nell'immagine 5; uno per la parte superiore (Xsuperiore ), e un altro per la corrente inferiore (Xinferiore ). In questo modo, la posizione dei nodi sarà definita rispetto ai valori specifici assegnati a questi parametri.

Una volta che i parametri sono stati definiti, è possibile utilizzarli nelle formule per determinare i valori numerici. Ciò può essere fatto nella finestra "Modifica" dei singoli nodi, dove è possibile utilizzare l'editor di formule per scrivere una formula per determinare la distanza del nodo dal nodo iniziale dell'asta. Ad esempio, l'equazione mostrata nell'immagine 6 indica che questa lunghezza sarà calcolata come il valore del parametro Xsuperiore aggiunto a 0,5 m. Dato che Xsuperiore era inizialmente impostato su 0, l'equazione risulta in 0,5, il che significa che il nodo rimarrà ad una distanza di 0,5 m (fig. 7).

Il vantaggio dell'input parametrico è che se un parametro viene modificato nell'elenco dei parametri, i risultati di tutte le formule che utilizzano questo parametro vengono modificati. Pertanto, se si riapre l'elenco Parametri globali e si imposta il valore di Xsuperiore come 0.1, la distanza del nodo rispetto al nodo iniziale dell'asta cambierà automaticamente in 0.6 (Xsuperiore + 0.5) e il nodo sarà spostato come mostrato nell'immagine 8.

Puoi fare un passo avanti e utilizzare gli altri vantaggi dell'editor di formule, come l'inserimento della proprietà di un oggetto nell'equazione, come mostrato nella Figura 9.

Utilizza l'icona associata per aprire l'elenco ampio delle proprietà degli oggetti e delle loro sottocategorie, e seleziona quella che ti interessa. Ad esempio, è possibile selezionare coordinata_1, che è la coordinata cartesiana X di un nodo. È possibile indicare il nodo associato nella casella di testo della formula, come mostrato nell'immagine 10. In questo esempio, siamo interessati a calcolare la distanza del nodo 5 rispetto alla coordinata X del nodo 3. Ciò significa che se il nodo 3 è spostato e la sua coordinata X viene modificata, la posizione del nodo 5 sarà modificata automaticamente, poiché questa proprietà dell'oggetto è inclusa nella formula.

Questo articolo ha mostrato come definire i parametri globali e utilizzarli nelle formule per determinare i valori numerici. Questi parametri possono anche essere ottimizzati secondo diversi aspetti, che saranno oggetto di un futuro articolo della Knowledge Base.

Autore

Irena Kirova, M.Sc.

Irena Kirova, M.Sc.

Marketing e assistenza clienti

La Sig.ra Kirova è responsabile della creazione di articoli tecnici e fornisce supporto tecnico ai clienti Dlubal.

Parole chiave

Parametrizzazione Parametri Input parametrico

Link

Scrivi un commento...

Scrivi un commento...

  • Visualizzazioni 511x
  • Aggiornato 18. ottobre 2022

Contattaci

Contatta Dlubal

Ha altre domande o ha bisogno di consigli? Contattaci tramite telefono, e-mail, chat o forum, oppure effettua una ricerca nella pagina delle FAQ, disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

+39 051 9525 443

[email protected]

Corsi di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Studenti | Introduzione alla verifica del calcestruzzo armato

Corsi di formazione online 12. dicembre 2022 16:00 - 17:00 CET

Analisi delle tensioni di superfici e aste in RFEM 6

Analisi delle tensioni di superfici e aste in RFEM 6

Webinar 15. dicembre 2022 14:00 - 15:00 CET

Integrazione di Revit, IFC e DXF in RFEM 6 (USA)

Integrazione di Revit, IFC e DXF in RFEM 6 (USA)

Webinar 15. dicembre 2022 14:00 - 15:00 EDT

Nuove caratteristiche in RFEM 6 e RSTAB 9

Nuove funzionalità in RFEM 6 e RSTAB 9

Webinar 21. dicembre 2022 14:00 - 15:00 CET

Corsi di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Base

Corsi di formazione online 19. gennaio 2023 9:00 - 13:00 CET

Modellazione e progettazione di pannelli CLT in RFEM 6

Modellazione e progettazione di pannelli CLT in RFEM 6

Webinar 19. gennaio 2023 14:00 - 15:00 CET

Corsi di formazione online | Inglese

Eurocodice 2 | Strutture di calcestruzzo secondo DIN EN 1992-1-1

Corsi di formazione online 26. gennaio 2023 9:00 - 13:00 CET

Corsi di formazione online | Inglese

Eurocodice 3 | Strutture in acciaio secondo DIN EN 1993-1-1

Corsi di formazione online 2. marzo 2023 9:00 - 13:00 CET

Corsi di formazione online | Inglese

Eurocodice 5 | Strutture in legno secondo DIN EN 1995-1-1

Corsi di formazione online 16. marzo 2023 9:00 - 13:00 CET

Corsi di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Analisi dinamica e verifica sismica secondo EC 8

Corsi di formazione online 30. marzo 2023 9:00 - 13:00 CEST

Corso di formazione online | Inglese

Eurocodice 5 | Strutture di legno secondo DIN EN 1995-1-1

Corsi di formazione online 8. dicembre 2022 9:00 - 13:00 CET

Analisi geotecnica con fasi costruttive in RFEM 6

Analisi geotecnica con fasi costruttive in RFEM 6

Webinar 1. dicembre 2022 14:00 - 15:00 CET

Form-Finding e calcolo delle tensostrutture in RFEM 6

Form-Finding e calcolo delle tensostrutture in RFEM 6

Webinar 30. novembre 2022 14:00 - 15:00 CET

Corso di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Studenti | Introduzione alla verifica del legno

Corsi di formazione online 25. novembre 2022 16:00 - 17:00 CET

Corso di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Analisi dinamica e verifica sismica secondo EC 8

Corsi di formazione online 23. novembre 2022 9:00 - 13:00 CET

Corso di formazione online | Inglese

RFEM 6 | Studenti | Introduzione alla verifica del calcestruzzo armato

Corsi di formazione online 21. novembre 2022 16:00 - 17:00 CET

RFEM 6
Ingresso con copertura ad arco

Programma principale

Il programma di analisi strutturale RFEM 6 è la base di un sistema software modulare. Il programma principale RFEM 6 viene utilizzato per definire strutture, materiali e carichi di sistemi strutturali piani e spaziali costituiti da piastre, pareti, gusci e aste. Con il programma è possibile progettare anche strutture composte, elementi solidi e di contatto.

Prezzo della prima licenza
4.450,00 EUR
RSTAB 9
programma di calcolo per strutture intelaiate

Programma principale

Il programma di analisi e progettazione di strutture intelaiate RSTAB 9 contiene una gamma di funzioni simile a quella del software agli elementi finiti RFEM, con particolare attenzione a strutture intelaiate e travature reticolari. È quindi molto facile da usare e da molti anni è la scelta migliore per il calcolo e la verifica di strutture intelaiate di acciaio, calcestruzzo, legno, alluminio e altri materiali.

Prezzo della prima licenza
2.850,00 EUR