1542x
000006
2022-05-25

Come possiamo prevenire i cambiamenti climatici?

Il settore delle costruzioni è uno dei maggiori responsabili per l'inquinamento che porta ai cambiamenti climatici. Il settore della produzione del cemento da sola produce quattro volte più CO2 del traffico aereo. Dobbiamo agire per creare un'impronta positiva. Quali misure abbiamo già adottato? C'è ancora speranza per il cambiamento climatico?

Sappiamo tutti quanto sia critico il nostro clima. Il riscaldamento globale non dovrebbe continuare ad aumentare. L'obiettivo dell'accordo di Parigi non è quello di superare il riscaldamento di circa 1,5-2 gradi Celsius entro il 2100.

La Germania deve essere climaticamente neutra entro il 2050 in modo da poter raggiungere l'obiettivo per il 2100. Per fare ciò, abbiamo bisogno di misure e cambiamenti di vasta portata ovunque.

Quanto è dannoso per il clima il settore delle costruzioni?

I numeri mostrano valori scioccanti. Circa il 40% dell'energia viene utilizzata per questo scopo. Ciò include la costruzione di edifici, ma anche il loro utilizzo. L'industria delle costruzioni si prende il merito per la metà delle risorse e circa il 60% dei rifiuti.

In Germania, ogni anno vengono completati circa 100.000 case e 10.000 edifici non residenziali. Tuttavia, la percentuale di ristrutturazioni è solo dell'1-1,5 percento circa. Per raggiungere gli obiettivi climatici, il settore delle costruzioni dovrebbe ridurre le emissioni a zero nei prossimi 20 anni.

Quali sono gli approcci per questo? Quali misure dovrebbero essere adottate?

Un approccio entusiasmante è "dalla culla alla culla" - "dalla culla alla culla". L'obiettivo è creare un ciclo intatto basato sull'esempio della natura. Prodotti e materiali dovrebbero essere utilizzati più e più volte per evitare sprechi.

Tuttavia, gli esseri umani hanno solo un approccio lineare; Prendere - Creare - Buttare. Questo potrebbe anche essere chiamato Cradle to Grave, cioè dall'origine alla tomba. Se un prodotto è rotto, lo gettiamo nella spazzatura. Dove, in alcuni casi, troviamo anche sostanze velenose, ad esempio nel caso di apparecchi elettrici.

La domanda è perché'non abbiamo anche un'economia circolare, come la natura ci mostra. I rifiuti che produciamo sono una materia prima preziosa nel posto sbagliato. Il problema è che iniziamo a pensarci solo quando siamo già in presenza di rifiuti. Questo è anche negativo per la valutazione del ciclo di vita.

In questo contesto, entra in gioco il termine Cradle to Cradle. Il principio è quello di ottenere un'impronta ecologica positiva. Ci sono due cicli che si incastrano. Da un lato, c'è il ciclo biologico. Ciò comprende tutto ciò che finisce nell'ambiente. Nel caso di una maglietta biologica, ad esempio, i tessuti consumati vengono reintrodotti nel ciclo.

D'altra parte, c'è il ciclo tecnico. Un elemento viene controllato e quindi riutilizzato come nuova risorsa. Ci sono materiali di consumo che non entrano direttamente nella biosfera e non si consumano direttamente. L'idea di C2C è di combinare questi due cicli. Dopo che i materiali sono stati utilizzati in un prodotto, dovrebbero essere utili in un altro materiale.

Questo principio dovrebbe essere applicato anche nel settore edile. Ciò significa costruire low-tech, ma pianificare high-tech. Per quanto possibile, i pianificatori ricorrono a risorse naturali senza lunghi percorsi di trasporto e cercano di utilizzare energie rinnovabili.

C2C non è solo una soluzione tecnica, ma uno stile di vita. Gli edifici dovrebbero essere costruiti per le persone, non solo per il bilancio energetico. Questi due punti sono riuniti come una pianificazione integrale. Oltre all'ecologia, vengono presi in considerazione anche gli aspetti energetici, economici, socio-culturali, comfort, funzionalità, design, tecnologia e il processo stesso.

Quindi, in teoria, le possibilità ci sono. Tuttavia, c'è spesso una mancanza di investimenti.

Quali progetti pilota ci sono già?

Con il principio C2C, dovrebbero essere utilizzati materiali da costruzione a basse emissioni, ma anche privi di sostanze inquinanti. I prodotti più sani migliorano la qualità della vita e i lavoratori si ammalano meno spesso. Ciò aumenta la produttività.

Include anche il vecchio materiale da costruzione argilla.

Holz100 ha anche l'approccio C2C. Le piastre sono impilate trasversalmente e i tasselli forniscono collegamenti meccanici. Il risultato è un materiale da costruzione sano, perché la colla e altri materiali protettivi sono completamente omessi.

La cosa fondamentale è il legno lunare, perché le fibre del legno sono più dense e quindi impediscono ai parassiti di entrarvi. Non ci sono conservanti tossici per il legno. Ciò si traduce in maggiori costi di investimento, perché lo sforzo di pianificazione è molto più elevato. Tuttavia, grazie ai vantaggi del legno nella fase di utilizzo, è possibile risparmiare sui costi che compensano un investimento inizialmente più elevato.

Un esempio è hte ,Anforderungen%20modernen%20Bauens%20erf%C3%BCllt%20 Woodcube ad Amburgo, Germania. Si tratta di un condominio costruito come una solida struttura in legno. In tal modo, non vengono utilizzate sostanze nocive. Pertanto, l'edificio è CO₂ neutro. In tali progetti, la protezione antincendio è spesso messa in discussione. Tuttavia, a causa della solida struttura, non sono necessarie ulteriori misure.

Un altro esempio è "La culla" a Düsseldorf's Medienhafen: Un edificio per uffici realizzato quasi interamente in legno. La pianificazione tiene già conto del fatto che questo legno sarà riutilizzato ad un certo punto. Tuttavia, purtroppo non è stato possibile fare a meno del calcestruzzo. Tuttavia, è stata scelta una composizione che può quindi essere riutilizzata in un tipo. Il design degli interni si basa su materiali non inquinanti e riciclabili, perché fornisce un ambiente salubre per i dipendenti.

Come già accennato, le ristrutturazioni sono molto meglio della demolizione completa di un edificio. Una costruzione a scheletro aiuterebbe a costruire e rimuovere i muri. In questo modo, gli edifici potrebbero essere utilizzati uno dopo l'altro per scopi diversi. La possibile modifica della planimetria può anche essere presa in considerazione nella pianificazione originale.

Dovrebbe essere considerata anche la situazione abitativa più sostenibile. In generale, la cosa migliore sarebbe meno spazio vitale per ogni residente. Ciò ridurrebbe anche la grave sigillatura della superficie. Il più efficiente sarebbe un alloggio condiviso con stanze private, ma soggiorni e bagni condivisi.

Questi esempi mostrano che C2C non dipende solo dalla sostenibilità dei materiali, ma richiede anche un ripensamento completo. L'obiettivo è considerare interi quartieri che rispettano il principio C2C. È ancora più facile pensare in grande che considerare ogni struttura individualmente.

Uno dei distretti che è stato certificato come sostenibile è il distretto di Cloche d'Or in Lussemburgo. Lavoro, vita, tempo libero, istruzione, mobilità e shopping sono armonizzati in termini di sostenibilità. Numerosi sono gli spazi verdi con una ricca biodiversità.

I Paesi Bassi hanno visto la prima ripresa in termini di C2C: Un tale edificio è stato costruito nella città di Venlo e funge da modello per il mondo intero. È un centro di servizi per i cittadini verdi' del municipio. Il lato nord dell'edificio è una facciata con piante. Può convertire CO₂, filtrare il particolato e assorbire ossidi di azoto e ozono. Un sacco di piante all'interno dell'edificio forniscono anche ulteriore ossigeno e umidità. Gli esperti di Venlo affermano che questo rende l'edificio una buona struttura, non solo una cattiva struttura. Le facciate sono in alluminio. È riutilizzabile all'infinito senza alcuna perdita di qualità. È stato progettato un cosiddetto camino solare, che è costituito da vetro e riscalda il tetto. La tensione naturale sorge nell'edificio. A causa degli effetti termici, l'aria viene scambiata ogni due ore.

L'attivazione del nucleo di calcestruzzo controlla la temperatura nell'edificio. Ciò consente di risparmiare un sistema di riscaldamento o condizionamento costoso e dispendioso in termini di energia. Ci sono celle solari installate sulla parete esterna, che hanno la funzione di protezione solare e la fonte di energia. Rispetto alla precedente ubicazione del municipio, il consumo di energia è stato ridotto di un terzo. Anche la maggior parte dei mobili utilizzati è certificata, ad esempio nel caso di sedie o tappeti. La maggior parte dei prodotti può essere riutilizzata dopo la vita dell'edificio. La speciale planimetria consente di smontare i materiali più rapidamente.

Cradle to Cradle diventerà presto lo standard?

Cradle-to-Cradle è un nuovo approccio alla sostenibilità nell'edilizia. Tuttavia, siamo ancora all'inizio. Questo nuovo modo di pensare deve ancora essere ampiamente accettato.

Non esiste un'unica soluzione. Ad esempio, se guardi in posizioni diverse, ci sono molti materiali regionali diversi. È necessario accettare che i costi iniziali siano più elevati. Alla fine, questo ripagherà durante l'intero ciclo di vita.

100 percento Cradle to Cradle non funziona ancora. Ad esempio, B. non è ancora una vera alternativa per una fondazione. Il calcestruzzo riciclato è molto complesso da produrre e anche costoso. Questo è anche indicato come downcycling, perché i prodotti di alta qualità vengono utilizzati solo come sottosuolo per le strutture stradali.

Parentesi: Implementazione della sostenibilità in RFEM

RFEM 6 include l'add-on in due parti Ottimizzazione e costi/Stima delle emissioni di CO₂. L'IA dell'ottimizzazione dello sciame di particelle viene utilizzata per cercare parametri adatti che soddisfino i normali criteri di ottimizzazione. Stima i costi del modello o le emissioni di CO2 specificando i costi unitari o le emissioni per definizione di materiale per il modello strutturale. Puoi saperne di più al seguente link

Come puoi vedere, c'è ricerca e innovazione. Non resta che iniziare. Il BIM aiuterà anche a portare avanti questo principio


Link